Bruno Vanzan acrobata coi piedi per terra e lo shaker in cielo
A cena con Pavarotti!
18 Novembre 2016
Stefano Manca, “Pino e gli anticorpi” di Colorado e produttore di vino!
26 Novembre 2016

Bruno Vanzan, acrobata con i piedi per terra e lo shaker in cielo!

Bruno Vanzan, acrobata con i piedi per terra e lo shaker in cielo!

Campione del mondo di Flair, compagno di trasmissione su LA7 di Benedetta Parodi e autore del libro “Tutti i miei cocktail”.

Ecco solo alcuni degli elementi che caratterizzano questo ragazzo trentenne, romano di nascita, torinese di adozione che nel 2011 entra nella Wfa (World Flair Association) Black List, cioè nei migliori 10 del mondo.

Specifico che Flair (io prima di conoscere Bruno non conoscevo il termine!) è l’insieme delle tecniche acrobatiche nella preparazione di cocktail inventate ed in uso dalla figura del barman.

Ho avuto modo di incontrare personalmente Bruno ad eventi di Team Building, organizzati per alcune aziende, con lo chef Gianni Tota, che fa già parte di queste Storie di cibo, con un articolo a lui dedicato!

Assistere ad una esibizione di Bruno è qualcosa di entusiasmante, divertente e quasi adrenalinico! Bottiglie, bicchieri, shaker che prendono il volo, rimbalzano sulle sue braccia, rivolano in aria e finiscono magicamente nelle sue mani!

La musica accompagna sempre questi spettacoli, energia pura che termina in un liquido colorato, versato in un calice, da posizioni degne di un contorsionista!

E qui uno dei video girati in quell’occasione:

Proprio in uno di questi eventi ho scambiato due chiacchiere con Bruno, qualche domanda, due risate, e una storia che ha dell’incredibile: dagli studi di aeronautica abbandonati per una diversa passione, agli espressi e i cappuccini nei bar di Trastevere, per arrivare ai primi corsi di barman, alle prime gare vinte, alle prime delusioni professionali.

“Il Flair è come un allenamento di pugilato: lì sei solo con il sacco, qui lo sei con le bottiglie. È boxe senza contatto, ma qui le batoste sono più sotto pelle.”

Porto il discorso sul suo libro “Tutti i miei cocktail”, una delle sue grandi conquiste, quello che lui in realtà non definisce tanto un libro bensì “sogno”.

 “Tutti i miei Cocktail è stato un progetto che è nato un po’ per gioco e un po’ per caso; dall’esperienza televisiva con “I Menu di Benedetta” dove ero chiamato a realizzare ricette ogni giorno diverse, è nata l’idea di scrivere un “manuale” per la casa e non solo, che racchiudesse cocktail per tutti i gusti e le età”.

Nel libro infatti si possono trovare cocktail racchiusi in categorie molto particolari, da quelli per i bambini a quelli da aperitivo, dai Smoothie al gelato ai grandi classici, dai cocktail natalizi a quelli per ogni occasione dell’anno. Le ricette hanno come unità di misura una semplice tazzina da caffè, in modo da agevolare tutti nella preparazione. E sono comunicate anche in oncie, per parlare in gergo tecnico con gli esperti del settore!

Attualmente, oltre ad esibirsi in spettacoli “di cocktail acrobatici” (passatemi la definizione!), Bruno si dedica anche alla sua società di consulenza, catering, formazione per barman.

“Non mi sento un “Insegnante”, forse per l’immagine e il ricordo che ho di loro a scuola!  Mi definisco piuttosto un ragazzo che ha fatto della propria passione un lavoro, che cerca di trasmettere ai propri “ragazzi” il massimo, sia sotto il profilo umano che teorico.”

Un’ultima domanda che gli rivolgo riguarda la preparazione e l’allenamento: mi incuriosisce quanto serva in un lavoro come questo. E mi risponde come immaginavo:

“L’allenamento è il 100% di questa attività, anche perché io personalmente non mi sento mai arrivato. E forse per questo, il messaggio che cerco di trasmettere ai ragazzi che mi seguono è di essere sempre umili nella vita, e di ricordarsi che tutte le persone che si incontrano possono insegnarci qualcosa”.

E poi conclude con un consiglio da vero “insegnante”, di quelli un po’ istruttori e molto “amici”:

Leggete, studiate, girate il mondo,siate curiosi. Curiosi di ampliare il vostro bagaglio culturale e di confrontarvi con il meglio che vi circonda e mai con il peggio. Col peggio sono capaci tutti a farlo, perché se ne esce sempre vincenti!

E invece, come Bruno Vanzan ha fatto nella sua vita, occorre confrontarsi con i migliori, con i numeri uno, fino ad arrivare ad essere il numero uno, ma senza mai smettere di crescere!

Qui il video con una parte dell’intervista fatta a Bruno Vanzan:

E’ possibile seguire Bruno su tutti i suoi canali social:

  • Sito: www.brunovanzan.com
  • Facebook: Bruno Vanzan Official Page
  • Twitter: Br1Vanzan
  • Instagram: Brunovanzanofficial
Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto