Cena e musica a Sondrio: detenuti e salesiani insieme. - Storie di Cibo
Alla Corte di Stefano Paganini prima tappa di Chef Awards
21 Novembre 2018
Fiera del Tartufo Bianco di Alba: ultima tappa!
23 Novembre 2018

#storiedicibo

A Sondrio una cena a scopo benefico organizzata con l’ Opera Don Bosco Onlus, venerdi 30 novembre.

La Fondazione Opera Don Bosco Onlus di Milano insieme alla Casa Circondariale di Sondrio organizza “Sondrio Jazz Solidale”, una serata di musica, sapori della tradizione e solidarietà.

Organizzata per venerdì 30 novembre alle ore 19:00 presso la Sala Polifunzionale “Don Vittorio Chiari” di Sondrio (Piazza San Rocco, 1), la serata rappresenta un’occasione per riflettere su temi importanti quali il riscatto sociale, le dure condizioni in cui vivono tanti bambini del mondo, in particolare in India, lasciandosi al contempo accompagnare da ottima musica.

La serata inizierà con un concerto di musica Jazz durante il quale Claudio Chiara e un quintetto di musicisti professionisti renderanno omaggio alla poesia jazz di Art Pepper e Buddy De Franco ricreando le atmosfere del tempo.

La loro musica verrà intervallata dalla presenza di un gruppo di detenuti della Casa Circondariale di Sondrio, impegnati nella lettura di alcuni brani frutto di un percorso di emancipazione e riflessione svolto nel corso della loro permanenza in carcere,  dove la

 da anni sta portando avanti progetti e laboratori anche legati alla cucina.

Il concerto e le letture condurranno i partecipanti al momento vero e proprio della cena, con piatti cucinati da Gianluca Bassola del noto ristorante Trippi.

La cena concerto sarà a adonazione libera (minimo 25€), l’intero ricavato verrà devoluto per un progetto della Fondazione Opera Don Bosco Onlus a sostegno dei bambini di Namakkal, India. Un’area nella quale sorge il Don Bosco Anbu Illam, un centro dove sono ospitati circa 60 bambini e ragazzi orfani, di genitori malati di Aids, una malattia che colpisce tantissime persone in India.

Qui i Salesiani li accolgono e li accompagnano nella loro crescita garantendo alloggio, cibo, accompagnamento nello studio, cure mediche e medicine, un servizio di counseling e supporto psicologico. I passi avanti fatti sono stati tanti, ma ogni giorno c’è bisogno di aiuto per coloro che affollano il dormitorio.

Anche questi eventi sono un esempio di belle Storie di cibo dietro le sbarre.

Storie di cibo ci sarà!

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto