Eccellenze della Valtenesi per una experience a Puenago - Storie di Cibo
Alberto Basso al timone ONTOP a Porto Rotondo
19 Agosto 2019
Birra Madama prende il luppolo in carcere a Torino
26 Agosto 2019

Eccellenze della Valtenesi per una experience a Puenago

Al via “Groppello&Casaliva Experience”, dal 24 al 26 agosto.

Appuntamento di fine estate a Puegnago del Garda con le eccellenze della Valtènesi.

Tutto pronto in Valtènesi: per la terza edizione di “Groppello&Casaliva Experience”, appuntamento organizzato dal Consorzio Valtènesi nell’ambito della 43esima Fiera di Puegnago del Garda.

Il via sabato 24 agosto per tre giorni a tutto gusto nella location vista lago di Villa Galnica, prestigiosa sede del Consorzio oltre che dell’Aipol, l’Associazione Produttori Olivicoli Lombardi, e del Gal GardaValsabbia2020.

In programma ogni sera dalle 18 alle 23 un grande banco d’assaggio sulla terrazza e nel chiostro della villa,  dedicato sia ai vini rosa che ai rossi base Groppello della Doc Valtènesi, gestito dai sommelier Onav che accoglieranno i visitatori illustrando le caratteristiche delle oltre 60 etichette presentate in degustazione libera.

Nel coupon di 15 euro è previsto anche l’abbinamento a due piatti, uno di formaggi ed uno di salumi tipici del territorio proposto in collaborazione con il Gal GardaValsabbia2020.

Il percorso enogastronomico si concluderà al piano terra della villa con una degustazione di oli extravergine monocultivar curata dagli esperti Aipol.

Un apposito spazio di degustazione sarà dedicato alle etichette in lizza per il  premio “Rosso dell’Anno”, anche questo giunto alla terza edizione e dedicato alla memoria di Sante Bonomo, compianto past president del Consorzio Valtènesi: i finalisti sono stati selezionati in maggio durante il concorso enologico della 70esima Fiera di Polpenazze, e la cerimonia di premiazione si terrà la sera di sabato 24 agosto alle 18 nella piazza centrale di Puegnago durante l’inaugurazione ufficiale della Fiera.

Durante le tre serate di “Groppello&Casaliva Experience” sono infine previste degustazioni guidate di vini rossi e rosa oltre che di olio della durata di 1 ora circa ciascuna, su prenotazione ed a pagamento (5 euro a persona): le prenotazioni si effettuano direttamente al Consorzio: tel. 0365-555060 o mail: promozione@consorziovaltenesi.it.

Una nota sul Consorzio Valtenesi:

Il Consorzio Valtènesi opera per la tutela e la valorizzazione delle produzioni di un vigneto che si estende per 1000 ettari sulla riviera bresciana del lago di Garda.
Gli associati sono un centinaio tra viticoltori, vinificatori ed imbottigliatori: le aziende aderenti presenti sul mercato con un proprio marchio sono circa la metà.
Oltre alla Doc Valtènesi, che identifica una porzione di territorio pari a circa 600 ettari coltivati esclusivamente con uve rosse, il Consorzio tutela anche alcune altre denominazioni storiche tuttora presenti nella zona come Garda Classico, Garda Bresciano, San Martino della Battaglia e l’Igt Benaco Bresciano.
La zona di produzione del vino a denominazione di origine controllata Valtènesi comprende l’intero territorio dei seguenti comuni in provincia di Brescia, caratterizzati dal microclima del lago di Garda: Salò, Roè Volciano, Villanuova sul Clisi, Gavardo, S.Felice del Benaco, Puegnago del Garda, Muscoline, Manerba del Garda, Polpenazze del Garda, Moniga del Garda, Soiano del Lago, Calvagese della Riviera, Padenghe sul Garda, Bedizzole.
Comprende inoltre parte dei territori dei comuni di Lonato del Garda e di Desenzano del Garda.
Estesa da sud ad ovest tra i comuni di Desenzano e Salò, nel cuore dell’anfiteatro morenico sulla sponda bresciana del Garda, la Valtènesi è un’area contraddistinta da un microclima unico, influenzato dal più grande lago italiano.
Oltre alla vite si coltiva storicamente altre l’olivo, e sul territorio crescono altre varietà tipicamente mediterranee come gli agrumi ed i capperi.
In Valtènesi la viticoltura ha origini antichissime, che risalgono con ogni probabilità all’epoca degli etruschi. Oltre un secolo fa, il senatore veneziano Pompeo Molmenti, sindaco di Moniga del Garda, codificò il procedimento produttivo del Chiaretto, il rosé del territorio. Nel 1967, la zona si è vista riconoscere per la prima volta la Denominazione di origine controllata.

Una zona ricca di storia oltre che di sapore…arrivederci in Valtenesi tra pochi giorni!

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto