Fiasconaro ad Anuga con il panettone profumato di vino perpetuo - Storie di Cibo
Gente di Lago e di Fiume con Sacco e tanti chef!
2 Ottobre 2019
Tano Passami l’olio passa il testimone del locale
5 Ottobre 2019

PAnettone Fiasconaro con scatola Dolce & Gabbana

La pluripremiata azienda dolciaria siciliana Fiasconaro a Colonia, in Fiera.

Dal 5 al 9 ottobre i panettoni fiasconaro saranno ad anuga, la più grande fiera la mondo dedicata al settore food&beverage.

Da sabato 5 a mercoledì 9 ottobre ANUGA 2019, l’appuntamento biennale dedicato a trend e tendenze globali a cui aziende produttrici e operatori del settore non possono mancare.

Cooking show, eventi collaterali e incontri che nella passata edizione della fiera hanno accolto più di 7.400 espositori e 165.000 visitatori provenienti da tutto il mondo.

E così, anche Fiasconaro, azienda rappresentativa del dolce Made in Italy, farà la sua parte!

Abbiamo già parlato di loro in occasione del DiVino festival a Castelbuono (PA) agli inizi dello scorso agosto. 

“È un grande piacere per noi tornare a Colonia, ad Anuga”

racconta il Maestro Pasticciere Nicola Fiasconaro che, insieme ai fratelli Martino e Fausto, guida l’azienda di famiglia

“Siamo alla nostra settima presenza e, dopo la fiera di Londra di settembre, la consideriamo ormai una sorta di “conferma” dell’apertura della stagione natalizia. Cinque giorni in cui sarà possibile assaggiare il panettone, dolce simbolo della tradizione natalizia italiana, compresa la nostra ultima creazione nata dalla collaborazione con Dolce&Gabbana: il Panettone tradizionale con vino perpetuo Vecchio Samperi di Sicilia.

La nuova creazione, che si affianca agli altri panettoni della collezione, è arricchita da morbidi canditidi arancio e cedro uniti all’uvetta, ingredienti esaltati dalle note di vino perpetuo Vecchio Samperi, cardine della tradizione enologica dell’isola.

Disponibile nel formato da 1kg, il panettone è accompagnato da un’elegante boccetta di 30ml di vino perpetuo da spruzzare direttamente sulla fetta grazie all’apposito nebulizzatore.

Diverse le versioni:

  • quello al Pistacchio di Sicilia è ricoperto di cioccolato bianco e pistacchi ed è accompagnato da un barattolo di morbida crema di pistacchi dotato di spalmino colore oro, sia nella grammatura da 1kg (800g e 200g di crema) sia nell’inedito formato da 600g (500g e 100g di crema).
  • quello agli Agrumi e allo Zafferano, disponibile in tre grammature (1kg, 500g e 100g), presenta un morbido impasto arricchito da canditi di limoni, arance e mandarini uniti allo zafferano.
  • la novità sfornata sfornata per le prossime festività, il Panettone alle castagne glassate e al gianduia ricoperto di crema alle castagne e glassa al cioccolato, è nella versione da 1 Kg, ed è una prelibatezza già nel catalogo di Fiasconaro, che quest’anno è impreziosita da una coloratissima confezione creata da Dolce&Gabbana.

Tutti prodotti che richiamano sapori, profumi e alchimie della Sicilia che è la cornice della storia e della tradizione dell’azienda dolciaria Fiasconaro, nata nel 1953 a Castelbuono, nel cuore del parco delle Madonie, in provincia di Palermo.

Oggi l’azienda, giunta alla terza generazione, è un’eccellenza del Made in Italy (o meglio ancora Made in Sicily), con un fatturato di oltre 18 milioni di euro e una crescita del 20% su tutti i principali mercati.

Le bontà siciliane di fiasconaro sono presenti in Italia, Canada, Francia, Stati Uniti, Germania, Inghilterra, Australia e Nuova Zelanda e con un orizzonte strategico rivolto al mercato asiatico.

Il panettone e la colomba Fiasconaro rappresentano il core-business dell’azienda e cresce sempre di più l’incidenza della linea di prodotti continuativi: torroncini, cubaite, creme da spalmare, mieli, marmellate, confetture e spumanti aromatici.

Certi del successo dei prodotti Fiasconaro in fiera ad Anuga, attendiamo la nostra tappa in azienda per raccontare più da vicino queste prelibatezze dolciarie.

 

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto