Fiasconaro: Ambasciatore del panettone nel mondo - Storie di Cibo
Charity Dinner a San Patrignano con Oldani: regole, cuore e spugne
18 Novembre 2019
A Eataly Lingotto l’autunno nel piatto
20 Novembre 2019

Nicola Fiasconaro nominato Ambasciatore del Made In Italy, a Milano.

Il panettone Fiasconaro di Castelbuono da eccellenza siciliana a uno dei panettoni più buoni d’Italia. 

 

La tappa meneghina della Fiera Nazionale del Panettone e del Pandoro si è tenuta il 16 e il 17 novembre scorsi al Museo dei Navigli (Via San Marco 40), nel cuore di Brera.

Testimonial d’eccezione della manifestazione è stato, come ogni anno, il Maestro Nicola Fiasconaro, che ha tenuto idealmente a battesimo la kermesse dei migliori lievitati italiani, sempre più oggetti del desiderio per i gourmand internazionali in tutte le stagioni:

“Sono davvero onorato di aver tenuto a battesimo questa tappa della Fiera perché questa edizione ha voluto lanciare un segnale forte in difesa dell’artigianalità dei Maestri dell’arte della lievitazione.

Troppo spesso nel comparto dei lievitati le nostre eccellenze sono poco tutelate e penalizzate dalle dinamiche del mercato e dai concorsi internazionali che non tengono conto delle normative italiane”.

Proprio in concomitanza della Fiera, sabato 16 novembre è stato aperto il Christmas Market, presso la boutique Dolce&Gabbana in corso Venezia 7, dove da sabato sono disponibili i prodotti della collezione.

 A giudicare il miglior panettone presente in Fiera sono stati gli stessi visitatori, che in qualità di consumatori hanno partecipato al contest “Ambasciatore del Panettone”.

L’azienda di Castelbuono si è dunque aggiudicato un importante riconoscimento:

Fiasconaro è stato riconosciuto come uno degli importanti ambasciatori nel mondo del “Made in Italy” nel mondo.

Il premio gli è stato consegnato da Emanuele Giordano, organizzatore di questo evento riservato ai migliori produttori di pandoro e panettone ma anche ai golosi d’Italia.

Il premio milanese è stato ritirato da Agata Fiasconaro, figlia di Nicola, responsabile del settore comunicazione e marketing dell’ azienda dolciaria di Castelbuono nata nel 1953.

Protagonista alla Fiera Nazionale del Panettone e del Pandoro è stato il Panettone tradizionale con Vino perpetuo Vecchio Samperi di Sicilia, che trasporta la mente e il palato in un viaggio emozionale alla scoperta dei sapori dell’isola.

Quest’ultima creazione, nata dalla collaborazione con Dolce&Gabbana, inaugura un nuovo rituale di gusto Made in Italy grazie all’elegante boccetta con nebulizzatore che accompagna il panettone: al suo interno, il vino perpetuo Vecchio Samperi da spruzzare direttamente sul dolce.

Una nuova ricetta unica, gustosa e prelibata: un impasto di farine pregiate di grani siciliani arricchito dagli ingredienti e dai profumi inconfondibili dell’isola, morbidi canditi di arancio e cedro uniti all’uvetta, esaltati dalle note di vino perpetuo Vecchio Samperi, elisir dal retrogusto agrumato, cardine della tradizione enologica di Marsala.

A rendere unica l’essenza del Vecchio Samperi è la continua mescolanza di vini di annate differenti all’interno della stessa botte, da quelli invecchiati da più di quarant’anni a quelli di recente produzione. Attraverso questo sistema complesso di travasi il nettare riesce a conservare la sua dolcezza che lo ha reso famoso in tutto il mondo.

Il panettone è disponibile nel formato da 1 kg ed è accompagnato dal nebulizzatore di vino perpetuo nel formato da 30 ml. Una scatola in latta, impreziosita dai motivi decorativi del carretto siciliano, suggella il connubio tra l’eccellenza creativa di Dolce&Gabbana e l’arte pasticcera di Fiasconaro.

Un grande onore per l’Italia dolciaria avere come ambasciatore un imprenditore di questo “impasto”!

Storie di Cibo ha già apprezzato, e continua a farlo, le bontà siciliane di Fiasconaro!

Abbiamo parlato di Fiasconaro anche qui:

Quando Fiasconaro salvò il Natale a Milano Golosa

Fiasconaro ad Anuga con il panettone profumato di vino perpetuo

Al Divino Festival Fiasconaro premia con arte e dolcezza

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto