Fratelli La Bufala fa tris a Milano - Storie di Cibo
Alfio Ghezzi ha il suo Senso a Rovereto
22 Ottobre 2019
Fiasconaro e Sicilia a Golosaria
24 Ottobre 2019

Fratelli La Bufala fa tris a Milano

Con “Un raggio di sole per Milano” Fratelli la Bufala inaugura il suo terzo flagship store a Milano-Montenero.

Un nuovo ristorante LaB con pizza, piatti a base di bufala e cocktail speciali all’ora dell’aperitivo.

Il marchio partenopeo ha inaugurato il suo terzo flagship store meneghino,  in viale Montenero, zona vivace e amata dai milanesi anche nelle ore serali.

Lo stile architettonico del nuovo locale ricalca i tratti distintivi del ristorante di San Babila: anche qui abbiamo l’albero delle mozzarella, omaggio all’Albero della vita di Expo 2015 e l’utilizzo di colori e materiali caldi, dall’oro del pavimento al legno essenza di castagno utilizzato per gli arredi.

Dopo il corno rosso, anche in questo nuovo LaB, Fratelli la Bufala vuole stupire e divertire con un forno originale e insolito a forma di raggio di sole: è un altro elemento che fa riferimento alla simbologia del logo e che diventa protagonista dello spazio con la sua posizione letteralmente “in vetrina”.

Alla sala all’ingresso e alla sala principale, entrambe caratterizzate da grandi vetrate luminose, si aggiunge la stanza dedicata alle mozzarella, una sorta di prive’ con un tavolo conviviale rettangolare a 12 posti, decorato con una installazione di mozzarelle di ceramica.

Con la consueta ironia e leggerezza, Fratelli la Bufala dedica a Milano “Gli alberi delle mozzarelle verticali”, una delle sue bufaland stories: racconti fantastici, sospesi tra mito e realtà di cui sono presenti alcune citazioni sulle pareti dei nuovi flagship store.

Il menu di Fratelli la Bufala-Montenero riprende le proposte del menu di San Babila: particolare attenzione è dedicata ad una materia prima di altissima qualità, a partire dalla mozzarella di bufala, proveniente da caseifici selezionati in aree di eccellenza come Aversa, Battipaglia e Caserta; la mozzarella di bufala è proposta in ben 6 versioni DOP, una scelta straordinaria e senza precedenti, esposta in bella mostra sul banco della “bufalata”, all’ingresso del ristorante.

Nonostante la forte impronta napoletana della proposta gastronomica, non mancano incursioni nella tradizione lombarda come la cotoletta alla milanese e piatti della cucina internazionale, omaggio alla vocazione cosmopolita della città.

Una novità assoluta è l’happy hour, prevista tutti i giorni dalle 17:00 alle 20:00 con una proposta di cocktail classici ma anche di signature a base di latte di bufala – come il Bufala Sour dal gusto fresco e sour – creati ad hoc dai barman Fratelli la Bufala, con accompagnamento di fingers a base di bufala.

Questo nuovo locale rappresenta un richiamo a tutti gli altri ristoranti presenti a Milano e un’ ulteriore occasione per affermare il rilancio del marchio Fratelli la Bufala.

Oltre a LaB Milano-San Babila, Fratelli la Bufala è infatti presente in via Cimarosa, Corso Sempione ed all’interno del Business Park Milanofiori di Assago.

Dove nascerà il prossimo albero di mozzarelle di bufale?

In zona Expo c’è ancora un Albero della Vita che attende una seconda occasione… una “bufaland story” potrebbe essere all’altezza?!

Fratelli La Bufala è il progetto di ristorazione made in Italy che pone al centro della propria offerta i prodotti della tradizione campana: primo fra tutti la mozzarella di bufala, la carne di bufala e la pizza napoletana creata con ingredienti di alta qualità. 

Genuinità dei prodotti e cucina tradizionale sono i principi ispiratori di Fratelli La Bufala che sfida omologazione e cibo standardizzato portando oltreconfine l’autentica cultura partenopea. Da Napoli a Londra, da Milano a Dubai, da Roma a Miami, sono molti i ristoranti Fratelli La Bufala in Italia e all’estero, parte di proprietà e parte in franchising, presenti su strada, all’interno di centri commerciali e aeroporti.

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto