I Dolci Sogni liberi ora anche al bar! - Storie di Cibo
Il Gelato ai piedi del Monte Bianco
1 Gennaio 2019
Una forchetta è solo una forchetta?
3 Gennaio 2019

Nuovo progetto per Storie di Cibo dietro le Sbarre: carcere di Bergamo!

È stato inaugurato sabato 15 dicembre in via Locatelli, a Nembro, “Dolci Sogni”, il nuovo bar con laboratorio per la produzione di prelibatezze da forno sia dolci che salate.

L’obiettivo è vendere i prodotti realizzati da detenuti del carcere di Bergamo e da persone diversamente abili della Val Seriana.

Tutto è iniziato da un sogno: concretizzare un’iniziativa imprenditoriale mirata a creare, nel territorio della Val Seriana, opportunità di lavoro a favore di persone svantaggiate.

Il progetto è stato realizzato grazie alla collaborazione tra 7 realtà non profit del territorio:  le cooperative sociali Calimero (capofila del progetto),  Chimera, Sottosopra, le Associazioni Idem e Carcere e Territorio di Bergamo, il Consorzio Mestieri Lombardia e l’Azienda Bergamasca Formazione  (ABF),  tutte  realtà da anni impegnate nella gestione di attività educative e di spazi di lavoro protetti a favore di persone con diverse tipologie di svantaggio.

Valutato tra i 10 migliori progetti italiani presentati nell’ambito di un bando 2017 promosso dal Dipartimento per le pari opportunità (bando per il finanziamento di interventi finalizzati alla promozione delle pari opportunità nel campo dell’impresa privata, dell’arte, della cultura e dello sport a favore delle persone con disabilità), Dolci Sogni ha previsto un investimento pari a 240 mila euro, di cui una parte finanziata dal Dipartimento per le pari opportunità.

In uno spazio di circa 150 mq, Dolci Sogni ospita una zona bar e un laboratorio di pasticceria e panetteria che affianca il già ben avviato e conosciuto laboratorio di panificazione Dolci Sogni Liberi di Bergamo, in cui lavorano i detenuti della Casa Circondariale.

Così ci racconta Rosalucia Tramontano, presidente della cooperativa Calimero:

“Siamo partiti quattro anni fa con il forno alla Casa Circondariale di Bergamo perché crediamo nel valore generato dall’inserire nel mondo del lavoro persone svantaggiate come chi sta scontando una pena o ha appena finito di scontarla.

Inserire queste persone in un contesto produttivo come questo è un modo concreto per entrare a pieno titolo nel sistema sociale che non solo promuove la legalità, ma si occupa anche di prevenzione e recupero.

Ai detenuti offriamo la possibilità di partecipare a un’attività lavorativa che consenta loro di acquisire competenze per una prossima emancipazione attraverso il proprio lavoro”.

La ricetta è semplice: il lavoro al forno “Dolci Sogni Liberi” aumenta l’autostima e la fiducia in se stessi, rafforzando qualità come la puntualità e l’affidabilità e promuovendo l’interazione con le persone.

“La vera scommessa di questo progetto– commenta ancora Rosalucia Tramontano – “è quella di dare uno spazio di sperimentazione lavorativa concreta a persone svantaggiate. Nel nuovo bar laboratorio di Nembro lavoreranno sia persone con disabilità, nello specifico persone con spettro autistico, sia ex detenuti e detenuti che stanno scontando la pena all’esterno”.

Come si è passati dal laboratorio ad un punto vendita diretto?

Racconta ancora  la responsabile di Calimero:

“Sempre più persone richiedevano i nostri prodotti, che vendevamo all’interno di negozi equosolidali dove facevamo anche rifornimento per la materia ma non bastava. Da qui l’idea di aprire un punto vendita solo nostro, con annesso un piccolo laboratorio che affiancherà quello già ben avviato nella Casa Circondariale”.

L’inaugurazione di Dolci Sogni si è tenuta appunto a metà dicembre ed ora l’attività è ormai a regime!

All’apertura erano presenti tra gli altri esponenti delle amministrazioni comunali del territorio e i referenti di tutte le realtà coinvolte nel progetto. Ospite musicale dell’evento La Banda del Quadrato, alternativa formazione composta dai ragazzi ospiti delle Comunità Alloggio Deinos e Kairos di Albino gestite dalla cooperativa sociale CHIMERA.

E questi i ringraziamenti che la Presidente si è sentita di fare, in mezzo a tanti saluti, abbracci e sorrisi:

“Grazie al Sindaco di Nembro per le sue parole e soprattutto la sua presenza, Grazie al Dr Antonio Costantini perché da anni sta facendo percorsi che condividiamo come cooperativa, grazie a Lanfranchi Valentina e Gino Gelmi perché come noi ci credono davvero, a tutti i soci , collaboratori ed amici della Cooperativa sociale Calimero per aver condiviso insieme questo sogno.”

Insomma una festa in piena regola!

Ed ora non ci resta che diffondere questi “Dolci Sogni” con le nostre Storie di cibo dietro le Sbarre!

 

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto