Il tartufo nei cocktail di Gabriele Stillitani - Storie di Cibo
Le pizze Domino’s: ricette d’autore regionali
13 Novembre 2020
Il delivery Bottura: oggi o mai più!
14 Novembre 2020

Truffle Silk il drink al tartufo di Gabriele Stillitani che intercetta l’autunno nella mixology

I cocktail mutano come le stagioni: il tartufo è il protagonista del nuovo drink del bartender di Lugano

Prodotto pregiato, solitamente protagonista nelle eccellenze del food, il tartufo si rivela una grande opportunità per il settore beverage che sprigiona un’essenza sempre più multisensoriale, permettendo ai suoi fruitori di gustare un’esperienza che va ben oltre il sorso.

E così digital bartender Gabriele Stillitani (@mint_drink su Instagram) propone scaglie di tartufo che cadono nei drink della mixology d’autunno.

Originario di Roma, Gabriele Stillitani ha l’abilità cosmopolita di individuare materie prime e trend di consumo grazie al rapporto diretto con i suoi 50mila follower (profilo instagram @min_drink). A suo favore, la lunga esperienza come bartender negli States, le aperture di successo a Formentera e le opportunità di lavoro al suo ritorno in Italia, al T.O.M. di Milano.

Attualmente a Lugano, a La Dispensa, da dove ci siamo collegati tempo fa per una diretta Instagram,  il bartender resta sempre fedele al punto di partenza: i drink classici, dall’esecuzione certa, per poi passare ai twist originali che riflettono le sue intuizioni.

Si chiama Truffle Silk il drink all’interno del quale Gabriele Stillitani riassume le sue conoscenze legate ai trend della mixology del momento.

Il tartufo è un prodotto molto prestante nel mondo della mixology, ne abbiamo parlato anche a proposito delle ricette cocktail al tartufo bianco.

Il suo profumo è da considerarsi un vero e proprio asso nella manica per i cocktail capaci di marcare il momento dell’aperitivo o dell’after dinner con un odore terroso, deciso, piacevole.

Meglio preferirlo all’interno di miscele più secche, più dry: se unito a liquori o ingredienti più dolci, il gusto del tartufo potrebbe infatti risultare stucchevole.

In cima a scaglie, a fare da garnish ai drink o in gocce, sotto forma di essenza: il tartufo muta costantemente identità e forma a seconda del ruolo che giocherà all’interno delle miscele dai sentori autunnali.

Nel cocktail Truffle Silk del bartender Gabriele Stillitani, l’utilizzo del tartufo è volto ad armonizzare i sentori della miscela che impiega due distillati importanti come vodka e vermouth bianco.

Ne è una prova persino la consistenza nella quale il tartufo stesso si presenta: una spuma bianca adagiata morbidamente sulla superficie della coppetta nella quale è servito il drink.

Il colore rosso, chiaro rimando al foliage autunnale, è dato dalla presenza di uno sciroppo di tè ai frutti rossi che esaltano le note di bosco proprie del tartufo.

Nel pensiero del bartender:

“un prodotto pregiato come il tartufo accompagna gli equilibri più asciutti dei due distillati, concedendo morbidezza al palato di chi dapprima ne sorseggia la morbida schiuma”.

Qui la ricetta del Truffle Silk

Cocktail vellutato al palato con la sua foam di tartufo

INGREDIENTI

  • 40 ml vodka
  • 20 ml vermouth bianco
  • 15 ml succo di limone
  • 15 ml sciroppo di tè ai frutti rossi Top foam al tartufo

PREPARAZIONE (SHAKE & STRAIN)

Prendere uno shaker e versare all’interno gli ingredienti, amalgamare al meglio con un barspoon.

Riempire lo shaker di ghiaccio e agitare.

Filtrare il contenuto con un double strain in una coppa ghiacciata.

Prendere il sifone con all’interno la schiuma di tartufo e realizzare il top del drink riempiendo la coppa pian piano, cominciando dai bordi fino al riempimento completo.

Per degustare il cocktail e conoscere il barman: 

La Dispensa - Via della Posta 4, 6900 Lugano, Svizzera +41 91 225 66 66

Storie di cibo tra cocktail e tartufo…da perderci la testa! O la penna!

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto