La seconda vita del cibo: senza spreco, da Edit Torino. - Storie di Cibo
Barolo Boys: un vino ricco di calcio!
19 Maggio 2018
Una castellana in vigna: Lucrezia Carrega Malabaila. Il Roero in rosa
22 Maggio 2018

L’unione tra cultura e gastronomia dà vita a grandi cose!

Il Circolo dei lettori di Torino e l’Accademia Bocuse d’Or Italia hanno  ideato e organizzato degli eventi che coinvolgono questi due mondi:  il mondo della cultura e della gastronomia.

La cucina è cultura, è identità territoriale ed è in continuo dialogo con altre arti e discipline.

Una serie di eventi “off” che intratterranno gli appassionati di cucina e gli amanti della cultura in attesa della Selezione Europea del Bocuse d’Or di Torino, in programma l’11 e il 12 giugno, è quella del calendario del Bocuse d’Or Europe OFF.

L’Accademia si è occupata della parte gastronomica, coinvolgendo gli chef e occupandosi dei momenti conviviali degli aperitivi e cene.

In altri casi ha reso possibili iniziative di livello come la mostra “Gualtiero Marchesi. La cucina come forma d’arte.”

Tra le collaborazioni dell’Accademia troviamo quella con Edit, il nuovo polo gastronomico con sede a Torino, che prevede l’organizzazione di cene ed eventi con la stampa.

L’Accademia ha come obiettivo futuro quello della formazione, e in quest’ottica in occasione dell’evento Ho.re.ca. “Gourmet” all’Expoforum di Torino, nelle giornate del Bocuse d’Or, l’Accademia ha organizzato, in collaborazione con GL Events Italia, una serie di lezioni accademiche e gastronomiche estemporanee con importanti figure professionali, dal titolo “Abbecedario”.

Durante le lezioni si racconterà e si promuoverà la cultura della gastronomia e dell’identità italiana. Si proporranno gli aspetti più significativi dell’organizzazione e del servizio dell’hôtellerie e della ristorazione.

All’interno di  “La seconda vita del cibo” da Edit Torino sono stati inseriti due eventi: il primo con 4 chef uomini e il secondo con 4 chef donne.

Eccoli nel dettaglio:

  • Martedì 22 maggio saranno in cucina: Chef Bernard Fournier* (Da Candida), Gianmaria Rossi (4ciance), Marc Lanteri*(Al Castello di Grinzane) e Davide Maci (the Market Place)
  • Mercoledì 13 giugno la cucina sarà rosa con: Chef Isa Mazzocchi* (La Palta), Antonella Ricci*(Al Fornello da Ricci), Fabiana Scarica (Villa Chiara, Orto, Cucina) e Roberta Zulian (Grand Hotel Royal e Golf)

La sostenibilità è un tema caro a tutti. Spesso ci si chiede come imparare a cucinare in modo sostenibile, evitando sprechi e valorizzando cosa resta nelle nostre dispense.

A partire dalle  ore 18 gli chef mostreranno con la pratica come preparare una cena “a cinque stelle” con ingredienti prossimi alla scadenza.

Gli chef non conoscono anticipatamente gli ingredienti a disposizione e devono quindi sfruttare tutta la loro creatività per valorizzare le semplici materie prime selezionate per loro.  In questo modo i partecipanti, guidati dalla narrazione del critico Paolo Vizzari, possono non solo osservare gli chef all’opera, ma anche imparare tecniche e trucchi per evitare gli sprechi alimentari e valorizzare al meglio gli ingredienti.

Al termine della preparazione/lezione,  gli ospiti potranno degustare i piatti cucinati in abbinamento a una selezione di vini pensata dal sommelier del ristorante di EDIT, Andrea Zoggia.

Ogni chef ha a disposizione una delle quattro cucine condivise di EDIT: si tratta di spazi altamente innovativi, dotati di tutte le attrezzature presenti nelle cucine dei grandi ristoranti, a disposizione di chiunque voglia cimentarsi in una sfida ai fornelli con gli amici oppure organizzare eventi culinari particolari.

Quindi l’appuntamento è per martedi 22 maggio e mercoledi 13 giugno:

Ingresso: € 50; Prenotazione obbligatoria
Info e programma sul sito web www.edit-to.com

Storie di Cibo presente: ci si vede da Edit, nelle cucine condivise!

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto