Lezioni di cioccolato a Milano: Chocolate Academy.
Il miracolo dell’olio. Frantoi Redoro
3 Novembre 2017
Festa del risotto a Milano: una sagra allo zafferano!
7 Novembre 2017

Chocolate academy Milano

A Milano ha aperto qualche mese fa la prima Chocolate Academy nazionale, a firma Barry Callebaut, gruppo svizzero specializzato nella lavorazione del cacao e nella produzione di cioccolato di qualità.

Il format in realtà è già presente nel mondo con 19 sedi, la ventesima proprio quella meneghina, sui Navigli, forse perché città natia di Davide Comaschi il pasticcere che ne è il direttore.

Classe 1980, Comaschi è pasticcere affermato alla guida della pasticceria Martesana (Tre Torte sulla guida più dolce del Gambero Rosso). Allievo di Vincenzo Santoro e Iginio Massari, ha vinto nel 2013 un trofeo ai World Chocolate Masters di Parigi, e nel 2016 è diventato testimonial del Salon du Chocolat per l’edizione milanese.

La scuola di via Morimondo si propone come punto di riferimento per i professionisti che desiderano perfezionarsi nella lavorazione del cioccolato, con l’ausilio di tecnologie e macchinari avanzati, e la docenza di artigiani esperti, che celebrano l’originalità della pasticceria e dell’arte cioccolatiera italiana.

A Davide Comaschi, che supervisionerà il programma didattico e curerà personalmente alcuni corsi, si affianca infatti una squadra rodata di chef residenti:

  • Alberto Simionato, scuola Beduschi e grande esperienza come maitre chocolatier

  • Paolo Cappellini, già istruttore Carpigiani e docente presso Cast Alimenti, specializzato nella produzione del gelato.

Come spiega il direttore:

“ I laboratori sono 3: di pasticceria, di cioccolateria e di gelato. Possono essere intercambiabili tra loro, e comunque la base di tutto è il cioccolato”

La scuola aprirà le porte anche agli appassionati di cioccolato, con un programma di corsi amatoriali e laboratori aperti al pubblico, e sarà inoltre centro mondiale del gelato al cioccolato, ospitando il primo ChocoGelato Lab.

Diversi gli spazi dedicati a lezioni teoriche, seminari e degustazioni, dallo Spazio Sensoriale allo Spazio Intenso, allo Spazio Dolce, tutti attrezzati con macchinati all’avanguardia, grazie al supporto delle aziende italiane che hanno scelto di collaborare, partner importanti come Hausbrandt, Alessi, Kitchen Aid e molti altri.

Tra gli obiettivi dell’accademia non sono quello di formare il mondo professionale per raggiungere con nuove competenze i mercati internazionali (e per questo arriveranno anche molti docenti dall’estero), ma anche stimolare il consumatore a un approccio più consapevole alla cultura del cioccolato.

E anche io sono stata per così dire “stimolata”, e ho preso parte ad uno dei corsi, “Cioccolato da passeggio” con Alexandre Bourdeaux , per rendermi conto di quanto studio c’è dietro ogni singola tavoletta, pralina o barretta.

E’ affascinante vedere la trasformazione delle materie prime, lo studio di ricette creative e innovative, l’abbinamento con sapori e gusti che avresti relegato nel settore salato.

Il calendario dei corsi è davvero fitto, include lezioni per professionisti e corsi amatoriali, io invito tutti a dare un’occhiata, scegliere una lezione e magari regalarla ad un conoscente appassionato: un regalo dolce e indimenticabile!

Durante il corso (sì, lo ammetto ho bigiato alla preparazione dei popcorn glassati al cacao!) ho approfittato per fare due chiacchiere con il direttore, Davide Comaschi.

Qui nel video una panoramica della scuola e l’intervista al direttore:

Chocolate Academy – Via Morimondo, 23   Milano  Tel. 0282464600  www.chocolate-academy.com

 

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto