Longino oltre: dalle vongole giganti al cioccolato - Storie di Cibo
Bottura e Torrente: 4 mani a Cetara.
9 Febbraio 2019
Scimmiette innamorate alla Chocolate Academy
13 Febbraio 2019

Longino oltre: dalle vongole giganti al cioccolato

Longino &
Cardenal
, società di
importazione e distribuzione di alimentari destinati alla ristorazione di alta
qualità, ha presentato a Milano i protagonisti della sua offerta per l’anno in
corso.

In occasione della ’Oltre Convention 2019’
tenutasi a Milano venerdì 1° febbraio, Riccardo Uleri, AD della società, ha
commentato i risultati raggiunti e tracciato la rotte sul futuro prossimo.

La società di Pogliano Milanese, eccellenza nel
settore dell’alta ristorazione ed attiva nella ricerca di cibi rari e preziosi,
ha chiuso l’esercizio 2018  con una
crescita del 12,2% sul 2017, con un giro d’affari a 32 milioni di euro.

L’azienda seleziona in tutto il mondo cibi rari e preziosi, vantando una proposta di prim’ordine con oltre 1.800 prodotti, 70 partner nel mondo e 4.500 clienti all’anno solo in Italia, con oltre 1.000 ordini alla settimana. La società risponde alla esigenze della fascia degli operatori del food italiani di alta qualità ed annovera circa l’80% dei ristoranti stellati.

La crescita della
società ha portato, nel luglio 2018,  Longino & Cardenal a quotarsi segmento AIM
Italia di Borsa Italiana
, quello pensato per le migliori PMI nazionali che
vogliono iniziare ad aprire il capitale per poter proseguire il percorso di
sviluppo.

“Una decisione necessaria per continuare ed accelerare l’espansione internazionale, oltre a valutare eventuali acquisizioni di piccole ed eccellenti aziende di produzioni italiane” ha confermato Uleri in occasione della ’Oltre Convention 2019’. “Una scelta non solo finanziaria, ma anche di «vita aziendale che fa entrare la società in una dimensione diversa in merito a relazioni e visibilità”.

Tutti questi
risultati sono stati la premessa e l’introduzione all’incontro con fornitori, chef e amici, durante il quale l’azienda ha dato spazio ad una selezione di fornitori del brand provenienti da diversi
angoli del mondo per raccontare la propria storia e i propri prodotti.

Accanto alle novità dei fornitori storici, durante la convention sono stati presentati soprattutto quattro nuovi partner, che con le loro esperienze vanno ad arricchire il catalogo del brand nei settori dei prodotti ittici, della carne e dei dolci: 

  1. Cloudy Bay
    Clams 
    è leader nella raccolta di vongole dal gusto
    unico e dalle dimensioni senza paragoni, fino a 200 grammi per mollusco. In
    particolare, l’azienda neozelandese raccoglie quattro specie di vongole
    selvagge: Diamond Shell, Storm Shell, Tua Tua e Moon Shell. Tutte specie
    uniche, native e autoctone della “Surf Zone”, specifica area della Nuova
    Zelanda caratterizzata da acque costiere incontaminate.
  2. Zaferis
    Trikalinos
    , ha reinventato i metodi di produzione della bottarga di
    muggine, uno tra i prodotti più apprezzati al mondo, introducendo diverse
    innovazioni in particolare nelle fasi di salatura ed essiccatura, le più
    critiche del processo di trasformazione di questo prodotto unico. La ricerca della
    perfezione ha permesso all’azienda di raggiungere risultati strabilianti oggi
    riconosciuti a livello mondiale: la bottarga Trikalinos è un prodotto ricco di
    proteine, vitamine e acidi grassi Omega-3 e Omega-6 e si distingue per una
    minore salinità e una texture vellutata che esprime al meglio il suo gusto.
    Si tratta di una selezione della bottarga ed è ricoperta da uno strato di cera
    d’api molto più sottile. E’ più delicata e complessa nei sapori, con note
    accentuate di iodio e mandorle e con una estrema cremosità
  3. il francese Miéral è tra i fornitori di pollame più rinomati nel panorama
    mondiale.  Le partnership con allevatori
    d’eccellenza, il monitoraggio delle attività di allevamento all’aperto, la
    nutrizione 100% naturale degli animali, il rispetto delle tradizioni, della
    terra e la passione per il lavoro sono da sempre i punti di forza della
    famiglia Miéral.
  4. dall’Ecuador, l’Hacienda San José segue il ciclo
    produttivo del suo cioccolato dall’origine al prodotto finito. Il cacao
    proviene da un’unica piantagione a Los Rios, in Ecuador ed è lavorato
    direttamente in loco. Nello stesso luogo esso è infatti coltivato, raccolto,
    fatto fermentare ed essiccato con tecniche avanzate e perfezionate nel corso di
    90 anni di esperienza. 

«Siamo particolarmente soddisfatti per l’importante crescita sul mercato estero,dove siamo presenti attraverso le controllate di Hong Kong e Dubai», ha commentato i risultati Riccardo Uleri, AD della società, fissando per il 2019 l’obiettivo di espandere ulteriormente «la presenza a livello internazionale, in particolare sul territorio americano».

La serata è stata anche l’occasione per degustare queste prelibatezze, preparate dalle sapienti mani di alcuni tra gli chef più rinomati, tra cui Philippe Leveillé, Sergio Mei e Felix Lo Basso, che hanno elaborato gli straordinari prodotti dei nuovi partner, creando ricette sfiziose:

  • con le mitiche vongole Cloudy By Clams della Nuova Zelanda;
  • con l’innovativa bottarga greca Golden Age firmata Trikalinos;
  • con l’eccellente anatra Barbarie by Miéral di Montrevel en Bresse, uno tra i fornitori di pollame più rinomati nel panorama mondiale;
  • e dulcis in fundo, le delizie al cioccolato dall’Ecuador – terra in cui la coltura del cacao è tradizione da più di duemila anni – targate San José.

Degustare
prelibatezze da tutto il mondo fa comprendere la filosofia e la passione che
stanno alla base dell’attività di Longino, e fa comprendere anche che l’azienda
è assolutamente sulla strada giusta!

La scelta di prodotti alimentari di
alto livello avviene attraverso un’attenta ricerca della materia prima e
un’accurata selezione dei produttori in tutto il mondo: Francia, Spagna,
Giappone, Madagascar. Grazie a un’efficiente rete logistica, i prodotti freschi
selezionati arrivano in azienda in tempi celerissimi dove vengono sottoposti a
rigidi controlli di qualità, stoccati e inviati la mattina successiva ai
clienti.

La gamma dei prodotti distribuiti da Longino è molto ampia: carni scelte, pesce freschissimo, frutta e verdura di qualità, formaggi rari, salumi tipici, conserve biologiche, cioccolato ricercato e molto altro ancora. Una selezione accurata ma allo stesso tempo molto ampia per poter andare incontro a tutte le esigenze dei clienti, veri intenditori di cibo e appassionati gourmet.

E ogni giorno ci si attende una nuova
scoperta nel mondo food….chissà che da qualche cugino del pescatore Cardenal
arrivi qualche nuovo frutto di mare!

NOTA: un po’ di storia dell’azienda

 Nel 1988 quattro ragazzi
accomunati dall’amore per l’alta ristorazione e il cibo decidono di importare
caviale fresco dall’Iran, per rivenderlo a ristoranti e a gastronomie
specializzate. Inventano un nome ispirato a due personaggi di fantasia:
Longino, uno svizzero di nobili origini, e Cardenal, un pescatore cubano. Così
diversi, ma allo stesso tempo uniti dalla passione per i viaggi e il cibo di
qualità, i due decidono di girare insieme il mondo, alla ricerca delle più
raffinate specialità culinarie. È così che al caviale si  aggiungono altri
prodotti che ancora oggi sono il simbolo dell’azienda: il foie gras George
Bruck, il salmone irlandese Kenmare, il cioccolato Weiss…

Dagli anni Novanta ad oggi la
continua crescita e l’interesse verso le più raffinate specialità alimentari
hanno permesso all’azienda di trasferirsi dalla Liguria a Pogliano Milanese,
trasformando Longino & Cardenal in un partner affidabile, puntuale ed
esperto per le eccellenze della ristorazione e gastronomia in Italia.

Lo scorso 4 luglio Longino &
Cardenal, ha debuttato sul listino Aim. L’obiettivo della quotazione è stato
quello di raccogliere capitali freschi per finanziare i piani di crescita e di
internazionalizzazione del gruppo, attraverso l'apertura di nuove sedi all'estero,
e mediante acquisizioni di realtà più piccole già sviluppate e da integrare
verticalmente. Il collocamento complessivo delle azioni ha fruttato una
raccolta di 4,95 milioni di euro. L'ammissione a quotazione è avvenuta a
seguito del collocamento di 1.375.000 azioni ordinarie di cui 1.250.000 azioni
di nuova emissione e 125.000 azioni provenienti dalle azioni poste in vendita
dall'azionista Riccardo Uleri. Il prezzo unitario delle azioni è stato fissato
a 3,6 euro cadauna e sulla base di tale valore è prevista una capitalizzazione
di mercato pari a circa 22,5 mln. Il flottante della società post quotazione è
pari al 22% del capitale sociale.

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *