Mediterranean Cooking Congress a Castellamare di Stabia - Storie di Cibo
Aurora e Massimo Mazzucchelli: la coppia del Marconi
20 Marzo 2019
A Volterra in carcere con le cene galeotte
23 Marzo 2019

Mediterranean Cooking Congress a Castellamare di Stabia

Al via la VI edizione di Mediterranean Cooking Congress.

Si apre con una Cena spettacolo dedicata al ruolo del cibo nel teatro napoletano, la VI edizione di Mediterranean Cooking Congress ideato ed organizzato dalla società By Tourist, con tappa a Castellammare di Stabia domenica 24 e lunedì 25 marzo.

                                

Il tutto inizia sabato 23 marzo con una serata esclusiva al Mare Vivo Restaurant di via Duilio: una cena di beneficenza a favore dell’Associazione Marevivo, prevista alle ore 19.00 con lo spettacolo “La Cucina nel Teatro e nella Poesia a Napoli, dal ‘600 ad oggi; dallo Street Food di Viviani al ragù di Eduardo” a cura del giornalista Giuseppe Giorgio del quotidiano Roma con l’attrice Nunzia Schiano, attrice di teatro, cinema e televisione.

“Il grande momento del mangiare a Napoli – afferma il giornalista Giorgio- sia ricco di illustri e golosi commensali, sia motivo di stenti, desiderio e sofferenza, ha da sempre avuto un ruolo fondamentale capace di andare ben al di là della semplice necessità fisiologica.

Un esempio? Il napoletano non direbbe mai “andiamo a mangiarci una pizza”, bensì “andiamo a ‘farci’ una pizza”, quasi per sottintendere una partecipazione profondamente spirituale all’atto che di lì a poco si sta per compiere. Anche nelle produzioni teatrali di chiara matrice classica partenopea- continua Giorgio- l’elemento della tavola e del convivio domestico, regolare o sognato, ricco o povero, rimane diffusamente utilizzato. Basta ricordare la celebre ‘Miseria e Nobiltà’ di Scarpetta in cui i poveri Don Felice Sciosciammocca insieme con gli sfortunati familiari Pasquale, Concetta e Pupella, in preda alla più nera della miseria, si avventano su di una tavolata giunta quasi per soprannaturale volere. Ed ancora, basta pensare alla celebre ‘Napoli Milionaria’ di Eduardo con le sue tavolate ed il cibo venduto al mercato nero, alla sua famosa ‘Natale in casa Cupiello’, con il brodo vegetale ed il cenone della Vigilia con tanto di capitone, fino a giungere all’altra formidabile opera eduardiana: ‘Sabato, domenica e lunedì’ dove tra i protagonisti ad elevarsi, oltre la tavola, c’è una specialità di chiaro gusto napoletano chiamata ragù'”. 

 Ai fornelli lo chef stabiese Daniele Gargiulo di Mare Vivo Restaurant con Cafè Do Mar  del giovane imprenditore Antonio Esposito.

Il 24 Marzo- la candidatura Unesco delle 28 sorgenti di Castellammare di Stabia e il via di Med Cooking Congress: inizieranno gli showcooking e gli incontri in via Duilio, nel cuore di Castellammare di Stabia e le Antiche Terme di Stabia saranno aperte per l’occasione. Le fonti delle sorgenti stabiesi sono state completamente recuperate grazie alla sinergia tra il Comune di Castellammare di Stabia e gli imprenditori degli Chalet e di Banchina Porto Salvo.

Gli chalet per l’occasione inaugureranno la stagione turistica, preparando le loro antiche ricette: “caponata”, “mpepata di cozze”, degustazione di biscotti di Castellammare con Acqua della Madonna, primi piatti con pesce povero e alici cucinate in vario modo. Adiacente allo chalet Maria Rosaria sarà allestita l’area Meeting dove alle ore 10.00 il Comune di Castellammare di Stabia, con Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale, Capitaneria di Porto stabiese, Propeller Club e l’Associazione Mare Vivo supporteranno la candidatura delle 28 sorgenti a Patrimonio Naturale Unesco.

Alle Ore 12.00 a bordo del battello Cafè  Do Mar, dove grazie alla partnership con la società Gico grandi Cucine e Impianti saranno allestite moderne  cucine a vista, avranno inizio i cooking show, con la partecipazione ogni ora di un cuoco italiano rinomato diverso. Il primo ad andare in scena sarà Mauro Uliassi, 3 stelle Michelin di Senigallia, con Hilde Soliani, artista del Gusto e dell’Olfatto. Seguiranno Vincenzo Guarino del Mandarin Hotel 5 stelle lusso del Lago di Como, Pietro D’Agostino del ristorante stellato La Capinera di Taormina. A moderare i giornalisti Eduardo Raspelli di Mela Verde, e Alessandra Natali di Cafè Tv24, con l’intervento straordinario di Fausto Arrighi, già direttore per 23 anni della Guida Michelin.

I cooking show continueranno nel pomeriggio con i giornalisti Gabriele Principato del Corriere della Sera e Nerina di Nunzio di Food Confidential e La7. Interverranno gli chef Domenico Iavarone del José Restaurant di Torre del Greco, Nino Di Costando, due stelle Michelin del Danì Maison di Ischia, e Alfonso Porpora dell’innovativo format Pastabar Leonessa dell’Interporto di Nola.

Il 25 Marzo- i cooking show si apriranno con Enzo Vizzari, direttore de Le Guide ai Ristoranti di L’Espresso, con gli chef Domenico De Gregorio del ristorante chioccola d’oro Slow Food Lo Stuzzichino di Sant’Agata sui due Golfi, Gennaro Esposito del ristorante due stelle Michelin La Torre del Saracino di Vico Equense e Maicol Izzo del ristorante stellato Piazzetta Milù di Castellammare di Stabia.

A concludere i lavori nell’area cooking show alle 13.30 di lunedì 25 sarà Anna Chiavazzo, Maestra Pasticciera de Il Giardino di Ginevra, che supporterà con le sue leccornie il progetto della giornalista Rosaria Castaldo de Il Corriere del Mezzogiorno dedicato all’alimentazione dei più piccoli.

Intanto nell’Area Meeting il 24 e 25 marzo alle ore 13.30 l’associazione Pizza Napoletana Gourmet dedicherà laboratori sulla tematica del senza glutine con Cristina Basso e sull’idratazione degli impasti con Salvatore Kosta.

A coordinare i lavori il giornalista Michele Armano delle Scuole di Cucina del Gambero Rosso, con Luigi Acciaio, Presidente dell’Associazione Pizza Napoletana Gourmet, e Giancarlo Panico, vice presidente dell’APNG:

Il 24 marzo alle ore 15.00 la Pasticceria Mennella presenterà la propria ricetta di latte di mandorla; a seguire l’associazione stabiese CPS presenterà i progetti equo e solidali per i Paesi del Mediterraneo in via di Sviluppo e chiuderanno i lavori i referenti dell’Osservatorio Civico La Grande Onda.

Il 25 marzo i laboratori avranno inizio alle ore 10.00 con l’educational “Il Grano che Cresce” a cura dalla società By Tourist e per l’occasione interverrà Oscar Leonessa, del Pastificio Artigianale Napoletano Leonessa, per la presentazione in anteprima della linea di produzione “Fior di Grano” con pasta 100% campana prodotta con Grano coltivato a Vallesaccarda con Metodo Nobile. Interverra’ Roberto Rubino, Presidente Anfosc, e seguiranno le degustazioni a cura degli chef Nunzio Spagnuolo del ristorante Rada di Positano, e Vincenzo Del Sorbo del ristorante Pompeo Magno di Pompei.

A seguire, alle ore 12:00, la scrittrice Cinzia Scaffidi presenterà, con la giornalista Santa Di Salvo di Il Mattino, il proprio libro “Che mondo sarebbe. Pubblicità del Cibo e modelli sociali”.

Ore 15.00 il Bier Sommelier Gilberto Acciaio della GMA Import Export Specialita’ farà un laboratorio per pub Gourmet sulle Birre in Purezza; per l’occasione interverrà Antonio Maturo del Pub irlandese Maracana’ di Castellammare, realtà imprenditoriale storica, da oltre 30 anni riferimento unico nel settore per l’Area Sud di Napoli.

Naturalmente non mancheranno i momenti dedicati allo sport e  i giornalisti Aniello Sammarco dell’Ansa e Dario Sautto di Il Mattino cureranno lunedì 25 alle ore 11.00 i giochi della gioventù gastronomica “Servizio a Regola d’Arte” con gli istituti alberghieri di Castellammare di Stabia e della Costiera Amalfitana.

A chiudere la kermesse Med Cooking di Castellammare sarà la visita guidata conclusiva di lunedì 25 marzo all’Area Marina Protetta di Punta Campanella. Da rilevare che durante ogni appuntamento sarà possibile devolvere fondi a favore dell’Associazione Marevivo, per i progetti per la tutela del Mare.

Per partecipare ai cooking show bisogna registrarsi all’email med@cookingcongress.com        
Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto