Milano al sapore di cioccolato: Salon du Chocolat 2017
Energia! Olio in movimento a Palazzo Stelline, Milano.
9 Febbraio 2017
Storie di cibo dietro le sbarre: cucina vegana a Parma
11 Marzo 2017

Milano al sapore di cioccolato: Salon du Chocolat 2017

Salon du chocolat 2017 Milano

Milano al sapore di cioccolato: Salon du Chocolat 2017.

Un evento dai dolci profumi, dalle forme cioccolatose e dalle presenze importanti, sia a livello di chef e pasticceri che a livello di nomi di produttori e presenze.

Tre giorni di showcooking, lezioni, presentazioni, creazioni gastronomiche e soprattutto artistiche, assaggi e sfilate, insomma un evento completo e interessante (non solo per gli addetti del settore o per i golosi cronici!)

Fashion, Design, Arte ma soprattutto Gusto, queste sono le parole chiave di questa manifestazione che racconta il cioccolato e le sue eccellenze.

A partire dalla sfilata di moda, un progetto curato da Naba e dai maestri pasticceri di AMPI, che ha visto nella sua giornata di apertura anche la partecipazione straordinaria di due maître chocolatier francesi Patrice Chapon e Damien Piscioneri, per il Camerun la creazione di Silvie Valtan e Fabio Ferrari e a chiudere un abito da sposa firmato da Ernst Knam in collaborazione con lo stilista di haute couture Tony Ward, famoso in tutto il mondo per l’eleganza e la sofisticatezza delle sue creazioni esclusive.

Il format “Salon du Chocolat” nasce a Parigi nel 1994 dall’intuizione di Sylvie Douce e Francois Jeantet con l’obiettivo di far scoprire il cioccolato in tutte le sue forme. In questi 22 anni sono stati organizzati 165 saloni, in 30  città  su  4 continenti.

Il curatore del salone italiano è Pietro Cerretani che così descrive il risultato dell’edizione di Milano appena conclusa:

“Essere riusciti a riunire l’eccellenza e l’innovazione della produzione di cioccolato insieme ai grandi nomi della cioccolateria e pasticceria ha creato un mix che ha soddisfatto tutto il pubblico dell’edizione 2017 e ha riconfermato come il mondo del cioccolato possa essere: gusto, qualità, agricoltura, design, moda e grande passione.”

Attraverso gli stand il pubblico ha potuto intraprendere un vero percorso di degustazione del cioccolato dalla fava di cacao fino alla pralina, in tutte le diverse lavorazioni e gusti e seguire gli showcooking sui diversi palchi. Un pubblico cresciuto vistosamente dall’edizione dell’anno scorso, come sostiene Roberto Silva Coronel organizzatore di Salon du Chocolat Milano:

“La crescita del numero di visitatori quasi doppia rispetto all’edizione precedente dimostra quanto Milano sia attenta alle nuove esperienze di intrattenimento e gusto”

Nei miei giri, assaggi e interviste, ho davvero goduto di un clima innovativo, dolce come il prodotto presentato, ma legato ai tempi moderni sia nelle nuove tecniche di produzione e trasformazione, che in tutte  gli studi di abbinamenti e utilizzo. Ho apprezzato tra le altre cose:

  • gli showcooking e le performances di Ernst Knam, che si è addirittura esibito a ritmo di musica rap con il noto cantante Emis Killa, realizzando una pralina speciale che prende il nome e gli ingredienti da uno dei cocktail più amati dal rapper italiano:  il Moscow Mule
  • lo showcooking a quattro mani, fuori programma, con Iginio Massari e Davide Comaschi dal titolo “La bontà nella semplicità” con ricette diverse a base di crema pasticcera e cioccolato.
  • il racconto “a 4 voci” condotto da Anna Prandoni, dei famosi Gualtiero Marchesi e Iginio Massari insieme ai loro “allievi”, e oggi grandi maestri Davide Oldani e Davide Comaschi.
  • le lezioni e i panel di assaggio organizzati dalla Compagnia del Cioccolato sulle diverse esperienze di cioccolato e in particolare sulle diverse creme spalmabili Made in Italy (quelle non industriali)
  • la realizzazione da parte di Davide Comaschi del Cuore di San Valentino 2017, un cioccolatino ideato da lui per LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori), un connubio speciale sia nella forma che nel sapore per soddisfare il palato e muovere il cuore.
  • le presentazioni legate al mondo vegano, attraverso la Funny Veg Academy  e gli chef ade essa legati: Simone Salvini,  Stefano Broccoli, Marcello Farrarini (per i gluteen free) ed Emanuela Caorsi (esperta di Raw food, dela quale scriverò in un prossimo articolo con sua video intervista).
  • la presenza  di Carlo Cracco a presentare il  suo nuovo libro “È nato prima l’uovo o la farina?

…E poi assaggi, pause cioccolatino, momento pralina, attimi con creme al cucchiaio, insomma un mondo immerso in questo fantastico prodotto che molti sono abituati a conoscere solo a livello industriale tramite la Nutella o cioccolati in stile “merenda” (nessuna critica a questi prodotti), e che invece è utile apprezzare in tutte le sue sfaccettature e sapori.

Qui riporto i link ad un paio di video girati durante la manifestazione (durante il panel di assaggio delle creme spalmabili organizzato dalla compagnia del Cioccolato e durante uno showcooking di Ernst Knam) rimandando ai successivi articoli-intervista i dettagli sui singoli chef e maestri cioccolatieri.

  1. Compagnia del cioccolato: panel di assaggio delle creme spalmabili italiane

  2. Showcooking di Ernst Knam: creazione del dolce “Equilibrio”

In attesa delle prossime edizioni del Salon du Chocolat mi godo gli innumerevoli cioccolatini di cui mi hanno omaggiata in queste giornate!

 

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto