Pietradolce: che vino sull'Etna! - Storie di Cibo
Un’Astemia Pentita innamorata
6 Febbraio 2019
Metti i tappi a San Valentino. Canelli Sparklin Love.
7 Febbraio 2019

Pietradolce: che vino sull’Etna!

Catania, città siciliana ricca di storia, gusto e colore.

Ricca anche di resort, ristoranti e cantine.

Ci parlano di DonnaCarmela, il boutique resort tra l’Etna e il mar Ionio, che è tra le 51 strutture italiane presenti nella guida Les Collectionneurs di Alain Ducasse, guida dei migliori hotel di charme e ristoranti gastronomici nel mondo.

Un boutique resort di fine Ottocento circondato da 10.000 mq di piante mediterranee e subtropicali. Le 5.000 varietà di cespugli e fiori dell’azienda Piante Faro, diffondono il profumo tipico siciliano in ogni parte del resort, regalando alla location paesaggi incantevoli ed un fascino unico dove rilassarsi.

Una storia lunga più di mezzo secolo che offre un’accoglienza di altissimo livello, raccontando il calore dell’ospitalità siciliana attraverso la cura per ogni dettaglio. I lodge ecosostenibili che sorgono come pietre preziose della bioarchitettura all’avanguardia, la villa padronale circondata dagli ulivi secolari e la lussuosa Imperial suite, sono situati tra a Contrada Grotte, nel comune di Giarre, uno tra i paesi più caratteristici della costa Ionica, esattamente tra Catania e Taormina.

Tra ulivi secolari e agrumeti profumati, prende vita il connubio tra la magia degli scenari e il calore del Mediterraneo.

Perchè parliamo di questa struttura?

Perchè la famiglia Faro, proprietaria di questo gioiello, è fondatrice dela storica azienda Piante Faro e (ecco il nostro maggiore interesse!) della casa vinicola Pietradolce.

Nata nel 2005, e collocata a Solicchiata, frazione del comune di Castiglione di Sicilia, sul versante nord dell’Etna, ha estensione di 11 ettari con vigneti tra i 600 e 900 metri, e suddiviso in tra appezzamenti .

Un’avventura nel mondo del vino iniziata per la volontà di salvaguardare un antico vigneto secolare alle pendici dell’Etna a rischio di abbandono. Uno dei numerosi vigneti frammezzati tradizionali di questo lembo di Sicilia. Questo luogo incantato a quasi mille metri d’altezza si chiama Vigna Barbagalli e dà il nome al vino più rappresentativo.

I successivi investimenti in altri due appezzamenti, tutti di natura franco-sabbiosa con elementi minerali, hanno sancito la crescita e l’affermazione di questa realtà vitivinicola fortemente voluta dalla famiglia Faro, che lavora le vigner esclusivamente con metodi naturali.

A dimora, solo vitigni autoctoni (nerello mascherese, nerello cappuccio, carricante), la gran parte ad alberello, in grado di rappresentare al meglio le tipicità morfologiche e pedoclimatiche.

Accanto all’Etna Rosso Barbagalli, sul podio l’Etna Rosso Pietradolce, da uve nerello mascalese in purezza affinate in tonneaux prima del riposo finale in bottiglia. Da degustare anche la versione Rosato, fine ed elegante. Dalle uve carricante in purezza vinificate in acciaio, nasce invece il suadente Etna Bianco “Archineri”. 

….e poi, e poi, e poi…tanti vini che degusteremo, tante storie che racconteremo. Perchè l’etna è da vivere di persona, e queste vigne sono da raccontare toccando con mano la “pietradolce” su cui nascono!


CANTINA PIETRADOLCE
Fraz. Solicchiata - c.da Rampante
Castiglione di sicilia, Catania
Tel. 3484037792 Email: info@pietradolce.it

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto