Rob de Matt a Milano: cibo, lavoro e inclusione sociale.
Cosa ci azzecca il cibo in un Salone del Mobile? I 10 imperdibili del food!
7 Aprile 2017
Ritorno in TrattoriaTeatrale: musica, cena, teatro e convivialità!
15 Aprile 2017

Rob de Matt a Milano: cibo, lavoro e inclusione sociale.

Rob de Matt a Milano: cibo, lavoro e inclusione sociale.

All’interno di un quartiere periferico di Milano come quello di Dergano, dove negli ultimi anni stanno nascendo nuove reti dal basso, ha aperto le porte Rob De Matt.

Un luogo di aggregazione sociale, dove si organizzano corsi di formazione professionale, con un ampio bar e un ristorante di 50 coperti in cui lavorano persone con disagio psichico, ma anche rifugiati politici, migranti in difficoltà ed ex carcerati.

Una formula che ha già avuto successo ad Affori, dove Olinda ha aperto un bar gestito dagli ex degenti dell’ospedale psichiatrico Paolo Pini.

Il locale è nato all’interno della sede de L’ Amico Charly Onlus, al numero zero di via Enrico Annibale Butti.

L’idea è venuta allo chef Edoardo Todeschini, dopo un’esperienza londinese in cui ha conosciuto Jamie Oliver, che tra le altre cose aiuta ex detenuti a lavorare nel campo della ristorazione, seguendo sia la formazione sia l’inserimento nei suoi locali.

Ispirato da questa prova, una volta tornato a Milano, Edoardo dapprima ha collaborato con Italia Squisita e ha tenuto dei corsi di cucina per persone con disagio psichico per la Fondazione Bertini, poi si è attivato per dar vita a un progetto che seguisse queste persone durante tutto il percorso di formazione e di inserimento nel mondo del lavoro.

Ecco che nasce così il bistrot, con un’ampia sala soppalcata e un giardino da 600 metri quadri, in cui è stato piantato un orto sinergico, per insegnare agli studenti l’intera filiera, dalla terra alla padella, e  per coinvolgere gli utenti e gli abitanti del quartiere in un percorso che porta il cibo sano dalla terra alla cucina.

Sul versante cucina, lo chef parte da materie prime di facile reperibilità, dove fanno capolino prodotti stagionali e di filiera corta dove la linea dei fornitori è ancora work in progress.

Il menu suddiviso in vegetali, pescato e carne, e dai prezzi popolari, strizza l’occhio ai piatti etnici, pensati come occasione di conoscenza e scambio interculturale. Scambio che coinvolge anche gli altri cuochi docenti che collaboreranno alla formazione degli allievi, che potranno partecipare all’elaborazione di piatti inseriti successivamente in menu.

Così racconta Edoardo Todeschini:

“La linea l’ho studiata assieme al mio amico Leonardo Grassini, chef di Xemei a Barcellona,  ed è caratterizzata da piatti poveri arricchiti grazie alla trasformazione, proprio per far imparare il più possibile a chi lavora con noi.   C’è la pasta con la crema di ortiche dell’orto, il ceviche marinato con agrumi o il polletto ruspante marinato per un giorno con salsa di yogurt, menta e curcuma, successivamente grigliato e scaloppato.  La carta dei vini e delle birre segue la stessa filosofia dei piatti, coinvolgendo piccoli produttori a filiera corta, selezionati valorizzando le esperienze di maggior qualità.

Lo staff attualmente è composto da undici persone, più due outsider con una borsa lavoro emessa dal Centro Psichico Sociale di Rho. E con loro verrà realizzato anche un servizio catering per eventi esterni. Una volta entrati a regime l’ ambizione è di poter fornire personale qualificato ad altri bar e ristoranti.

Il locale, aperto dalle 10 di mattina a mezzanotte, tutti i giorni tranne il lunedì sera, ospiterà spettacoli, mostre, piccoli concerti, proiezioni e attività per bambini.

E ogni fine settimana appuntamento fisso con la Domenica del villaggio, animata da brunch, spazio per bambini e il Rob de market con produttori e artigiani locali.

Per realizzare il primo corso di formazione professionale di 80 ore per 10 persone con disagio psichico o sociale e i primi due inserimenti lavorativi nello staff è attiva una raccolta fondi a cui tutti possono contribuire:

https://www.generosity.com/community-fundraising/cooking-courses-for-mentally-disabled-people. 

Durante le giornate del Fuorisalone (Salone del Mobile 2017) Rob de Matt ha fatto le prime cene inaugurali: ho partecipato, e con l’occasione degustato le prelibateze della cucina, nei menù veg e pesce, e intervistato lo chef Todeschini, intervista che riporto in questo video.

https://www.youtube.com/watch?v=LIKqLwLzfvo

Voglio testare la cucina, gli spazi e la realtà anche più avanti, quando il tutto sarà a regime, per vedere l’effettiva valenza sociale del progetto, che di sicuro avrà un impatto ottimo sulle sorti di questo quartiere che ultimamente si sta arricchendo di luoghi di “culto del cibo” ….ma questa è un’atra storia e ne parleremo in un prossimo articolo!

 

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

2 Commenti

  1. Gran bel locale – e non solo per l’idea e l’impegno sociale!

  2. google ha detto:

    yo this post very interesting

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto