Val d'Ega: esperienze culinarie tra natura, bosco e due ruote - Storie di Cibo
Gourmet, Teppanyaki e tanto sport: al Quellenhof Luxury Resort Passeier
21 Agosto 2020
Aperitivo in quota e astronomia a Col Drusciè
22 Agosto 2020

Val d’Ega: esperienze culinarie tra natura, bosco e due ruote

Val D’Ega tra sport e esperienze di gusto nel bosco.

Le Dolomiti offrono trekking, due ruote e tanto gusto: pacchetti e proposte speciali per un’estate e autunno di meravigliosa convenienza in Val d’Ega (BZ),  nel cuore del Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

La Val d’Ega (BZ), gioiello delle Dolomiti, può essere scoperta in mille modi diversi, così come mille sono le sfumature che ne colorano i panorami e contribuiscono a renderne unico il fascino.

Chi arriva in Val d’Ega animato dal proposito di scoprirne ogni segreto – soprattutto quelli gelosamente custoditi nelle cucine di malghe e ristoranti tradizionali – non può perdere uno degli appuntamenti clou dell’autunno culinario, puntualmente apparecchiato su una tavola di selvaggina, profumi e sapori tipici, arricchiti da frutti maturi, erbe, funghi e musica folkloristica. Il tutto concepito come un incontro speciale con la natura di una delle più belle foreste d’Europa nel cuore delle Dolomiti, Patrimonio UNESCO ai piedi delle famose montagne Catinaccio e Latemar.

Sono moltissimi i ristoranti della Val d’Ega e di Aldino che, tra il 18 settembre e il 4 ottobre 2020, aderiscono al programma misto di escursioni e trionfi del palato riuniti nelle Settimane Culinarie “Natura e Bosco”.

Una serie di piatti a base di ingredienti freschi tipici della stagione e raccolti nei boschi rappresenta infatti solo la prima parte di un’esperienza immersiva nella dimensione altoatesina di una delle valli più soleggiate dell’Alto Adige, dove le foreste sono un mondo da scoprire a pancia piena.
Il pacchetto immaginato per non perdersi nemmeno un istante di questo incontro ravvicinato con la Val D’Ega e i suoi tesori prevede 7 notti e consente di partecipare a iniziative esclusive e uniche come:
  • Bagno nel bosco: I tesori segreti della foresta – per vivere la natura con la testa, il cuore e la mano –
  • Osservazione mattutina o serale della selvaggina presso la baita Mitterleger, con colazione o merenda sulle sponde del lago di Carezza,
  • Segheria ieri e oggi – Il legno di risonanza del Latemar, con escursione guidata alla segheria “Latemar” e alla vecchia segheria “veneziana” di Nova Levante
  • Bosco & acqua, un’energia sostenibile per la natura e gli esseri umani, con visita alla centrale idroelettrica e all’impianto di teleriscaldamento.

Le Settimane Culinarie “Natura E Bosco” consentono di unire le esigenze di corpo e mente, soddisfatte da un cartellone d’inizio autunno che vede alcuni ristoranti della Val d’Ega offrire agli ospiti una serie di piatti a base di ingredienti freschi tipici della stagione e raccolti nei boschi, teatro delle escursioni guidate che rappresentano la seconda parte di questa avvincente offerta.

Oltre a questa proposta basata su Natura e Bosco, altre offerte legate a sport e in particolare allo spostamento su due ruote arrivano dagli hotel e dagli organizzatori della Val D’Ega.

  1. Dal 29 agosto all’11 ottobre 2020, “Vivere le Dolomiti con la mobilità dolce” è l’occasione perfetta per godere appieno della meraviglia delle montagne più famose del mondo, senza girare una sola volta la chiave della messa in moto di qualsiasi mezzo di locomozione. Grazie alla Guestcard, è infatti possibile utilizzare gratuitamente gli impianti di risalita e la rete dei trasporti pubblici della provincia di Bolzano per raggiungere ogni meta escursionistica nel Catinaccio e nel Latemar facendo a meno dell’automobile.
  2. Per chi ai raggi del sole associa quelli delle due ruote e non vuole perdere nemmeno un istante del Dolomiti MTB Festival, in programma tra l’1 e il 4 ottobre 2020, il pacchetto Rosadira Bike è la soluzione ideale. La possibilità di viaggiare gratis con la funivia di Nova Levante va ad aggiungersi a un’offerta che include 4 o 7 notti e il biglietto per i 4 giorni della manifestazione, con escursioni guidate in bicicletta, workshop di tecniche di guida e test, tour guidati in bicicletta ed e-bike e nuove esperienze in un ambiente unico ai piedi del Catinaccio e del Latemar nelle Dolomiti, patrimonio mondiale dell’UNESCO.
  3. Per rimanere in sella, dal 29 agosto al 26 settembre 2020, Carezza Bike mette sul piatto una proposta di attività sui pedali e relax, con 7 notti, un workshop di tecniche di guida e test, un tour guidato Latemarronda, 3 Tour guidati in bike da scegliere dal programma settimanale della scuola Dolomiti Bike Experience, un biglietto giornaliero Bike-Trail Carezza e un biglietto giornaliero Mountainbike-Card per la Latemarronda.
  4. Nello stesso periodo, chi apprezza anche la Val d’Ega in versione trekking può optare per Carezza Hike & Bike, una combinazione che comprende 7 notti e Guestcard 3 su 7 giorni (solo impianti) per un’intensa settimana da veri esploratori della montagna che spalma, tra lunedì e venerdì, Tour guidato giornaliero in E-Bike, Escursione guidata in montagna, Escursione naturalistica nella foresta del Latemar e Tour guidato giornaliero in MTB Sellaronda Soft (biglietto impianti non incluso).
  5. Infine, per rimanere Con i pedali ai piedi del Latemar, è possibile optare per il pacchetto che, fino al 31 ottobre 2020, garantisce il divertimento su due ruote sia in mountain bike che con l’ e-bike a Obereggen e Nova Ponente, con guide esperte ad aprire la pista su trail esclusivi e percorsi panoramici tra Catinaccio e Latemar. L’offerta comprende 7 notti, un tour guidato al giorno per ogni livello, corso di tecnica per migliorare la prestazione, noleggio di e-bike o mountainbike.

Un sacco di modalità con cui scoprire questo angolo delle Dolomiti…

Noi scegliamo quello gustoso nel bosco, ma ci spostiamo in bicicletta!

 

Informazioni: Val d’Ega Turismo Tel. 0471 619500 E-mail: info@valdega.com  Sito web: www.valdega.com

Foto: Günther Pichler

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto