What's "phubbing"? Qui in osteria si entra senza cellulare!
Una storica villa di delizie e storie di cibo: Villa Arconati
2 Ottobre 2016
Non si prende solo caldo. Cos’è? Il Sake.
11 Ottobre 2016

What’s “phubbing”? Qui in osteria si entra senza cellulare!

What’s “phubbing”? Qui in osteria si entra senza cellulare!

Siamo nell’epoca del cosiddetto “pubbing”, l’azione di chi nei momenti di convivialità e di cena tra amici, tiene sott’occhio il cellulare per scrivere su Whatsapp o postare su Facebook foto e recensioni di ricette e situazioni, trascurando di assaporare davvero piatti e compagnia.
Non ho coniato io il termine, ma aihmè ne sono una vittima (!!!).
Cerco a volte di trattenermi, poi scatta feroce la voglia di fotografare il piatto e di postarlo, come a lasciare un segno indelebile di un sapore che in bocca resterà pochi attimi.
E immagino che presto mi troverò in qualche gruppo di ascolto a dire con voce fiera “Ciao, sono Nadia, e sono 5 giorni che non posto foto di piatti su facebook !” 😉
Adesso molti ristoranti, da Londra a New York, stanno lanciando la tendenza della black box, una scatola nera dove lasciare il proprio telefono per tutta la durata del pranzo o della cena.
In Italia questa usanza è già una tradizione in un’ osteria di Nonantola, vicino a Modena.
Si tratta dell’Osteria di Rubbiara, nata come “osteria con diritto di vitto e stallatico” nell’ottocento, e tramandata di generazione in generazione, evolvendosi nel corso degli anni senza mai perdere la propria identità modenese.
 All’ingresso si trova il messaggio scritto dall’oste a caratteri ben visibili:
“Attenzione. Importante. In questo locale non possono entrare telefoni portatili, radio e televisioni.”
Sembra un’idea innovativa e dei nostri giorni, in realtà questo insolito messaggio di benvenuto ai clienti è esposto all’ingresso dell’osteria dal 1991, “accompagnato” anche da una scatola di legno con dodici cassetti che possono contenere fino a dodici cellulari!
Un chiaro invito a parole e “a fatti” a “lasciate ogni forma di contatto esterno voi che entrate”!!!
Oggi l’osteria propone i piatti di un tempo, come:

i tortellini rigorosamente in brodo, i maccheroni al pettine e gli strichetti al ragù, gli arrosti con patate al forno, il Pollo al Lambrusco,  la frittata all’aceto balsamico, semplice e gustosa, le torte della tradizione come quella “di tagliatelle” o il gelato di crema all’aceto balsamico.

E a proposito di aceto balsamico, la particolarità di questo posto è anche la possibilità di visitare l’acetaia di famiglia, storica e ancora attiva, con una tradizione che si tramanda dal 1862.
La famiglia Pedroni, nella sua ottica slow del cibo fatto in casa,  produce da sempre il balsamico tradizionale; il loro prodotto migliore si chiama “Cesare” come il  bis nonno dell’attuale gestore, viene dalle batterie di famiglia che hanno 150 anni e tiene vivo il ricordo di quel grande “nonno Cesare”  che era solito dire:
“dai vitigni, dalla vecchiaia, dalla passione e dal non sfruttare troppo le botti, si è creato un nome che fa la differenza”.
Sul sito dell’Osteria si trovano tutte le indicazioni storiche dell’acetaia, le ricette più famose e i consigli per trascorrere a Nonantola una giornata interessante e ricca, visitando il centro storico, la famosa Abbazia con il suo museo, per poi fermarsi appunto a  pranzo presso l’osteria di Rubbiara e visitare l’acetaia.
Prossimamente ci faccio un salto, e mi godrò il pranzo con l’iphone nella cassettina chiusa a chiave. Giuro giuro che non mi porterò via un piatto di tortellini senza mangiarli, solo per il gusto di fotografarli al di fuori dell’osteria 😉
Questi tutti i riferimenti:

Osteria di  Ribbuara

Via Risaia, 6 – Rubbiara di Nonantola, 41015, Modena, Italy

Telefono: +39 059 549019

 

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

3 Commenti

  1. Maura yosaturnia ha detto:

    Mi piace moltissimo…metto la cassettina porta telefono anche a casa mia adesso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto