Indecisi tra cena al ristorante o teatro? Scegliete tutte due, con la Trattoria Teatrale!
Un solo chef : dai vip al Dalai Lama; dai terremotati ai malati terminali. Gianni Tota
6 Novembre 2016
A cena con Pavarotti!
18 Novembre 2016

Indecisi tra cena al ristorante o teatro? Scegliete tutte due, con la Trattoria Teatrale!

Cosa fare questa sera? Indecisi tra cena al ristorante o  teatro? Scegliete tutte due, con la Trattoria Teatrale!

L’appuntamento è preciso, con indirizzo, riferimenti ed orario.

All’arrivo, sul cancello di ingresso, un gentile personaggio ad attendere tutti gli ospiti, 30 per la precisione, come specificato negli inviti e nelle prenotazioni.

Attendiamo qualche minuto fuori, da quello che sappiamo essere un loft elegante, non così elegante e particolare come in realtà appare una volta entrati!

L’impatto è subito positivo.

All’ingresso un salone con cucina a vista, occupa tutto il  piano terra, trasformato in platea per l’occasione. L’occhio si sposta curioso verso il soffitto, uno spazio senza fondo, e va a curiosare su quelli che sono gli spazi di una vera e propria casa disposta su tre piani, e arredata con una cura e un dettaglio degni di una rivista di arredi!

Ci accomodiamo tutti sulle file di sedie disposte nel salotto/teatro, e assistiamo allo spettacolo che prende vita tra i fornelli della cucina e una tavola apparecchiata con tocco romantico!

Due amici, cantanti-cuochi-attori-musicisti, danno vita a quella che sarà l’ambientazione della nostra serata: una cena preparata per un’occasione speciale, una dichiarazione d’amore.

Il tutto scandito dal taglio dei pomodori per il sugo, dalle canzoni intonate dai due amici, dagli intermezzi musicali con strumenti di ogni tipo, dalla chitarra al sax, dall’armonica all’ukulele!

Qualcuno tra il pubblico ha anche la fortuna di godersi già qualche assaggio delle ricette della cena, in questa preparazione scandita da discorsi sull’amore, sull’amicizia, sul cibo di qualità, ricercato e genuino.

Tempi incastrati alla perfezione, lo spazio dedicato allo spettacolo coincide con quello di preparazione della cena.

Poi in pochi attimi, nel tempo di un aperitivo al piano superiore, la platea si trasforma in una trattoria, con tavolate in cui gli spettatori diventano protagonisti, in una cena che per certi aspetti è un social eating, perchè ci si può trovare al tavolo con persone sconosciute, con cui da subito si condividono i piaceri della serata e della tavola!

Per cercare di accontentare il più possibile i gusti di tutti, il menù è vegetariano. Di qualità, di alta qualità!

Durante la cena gli attori-cantanti rivestono il ruolo di cuochi, camerieri e intrattenitori, e girano amichevolmente tra i tavoli per qualche chiacchiera, come degli ottimi padroni di casa!

La mia esperienza in Trattoria Teatrale è stata assolutamente positiva. Io che spesso sono tentata di incastrare una cena pre teatro, e regolarmente finisco per mangiare con l’imbuto per correre allo spettacolo, ho trovato in questo format il giusto mix tra le due cose.

Con l’aggiunta di musica, ambiente famigliare, cena condivisa con persone simpatiche conosciute la sera stessa!

Ho intervistato i 5 personaggi coinvolti in questo format unico.

La prima impressione è subito quella di un gruppo di amici, ben assortito e variegato, in cui ognuno mette in campo le proprie doti, passioni e abilità per un progetto che può dare l’impressione di essere nel limbo tra una cena e un teatro, ma proprio questo è il suo unto di forza!

Così ne parla la regista Chiara Anicito:

“La Trattoria teatrale è uno spettacolo, una sit-com, un concerto, una cena, un incontro, una serata elegante, un’esperienza unica.  E’ una cena straordinaria, fatta con ingredienti di primissima qualità, trattati con massima abilità dal nostro chef”.

Dal mio punto di vista, consigliatissimo a:

  • chi adora il teatro e la cucina

  • chi apprezza la buona musica

  • chi non disdegna una preparazione della cena in diretta, con la possibilità di rubare anche qualche segreto culinario dello chef!

  • chi è indeciso tra una cena e uno spettacolo

  • chi da solo, in coppia o con amici apprezza una serata anche con persone mai viste!

  • chi è semplicemente curioso!

Di norma vengono organizzate un paio di serate al mese, anche con temi diversi e format particolari (ad esempio con la serata dedicata ai single o al Natale…) ed è possibile prenotarsi, leggendo anche il menù completo, sul sito ufficiale della Trattoria: www.trattoriateatrale.it

Qui l’intervista completa ai “5 della Trattoria”:

Ci tornerò!

Grazie per la bellissima esperienza!

 

 

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto