Mangiare a Matera: Ristorante Baccanti - Storie di Cibo
Il Team Italia del Bocuse d’Or veste Cerruti!
20 Gennaio 2019
Ascoli: a Marino del Tronto in cucina chef e detenuti
28 Gennaio 2019

Mangiare a Matera: Ristorante Baccanti

mangiare a Matera ristoranti

A Matera, città dei Sassi, un ristorante di tradizione e sensazioni.

Dal nostro Basilicata Coast2Coast4Food una selezione di ristoranti per mangiare a Matera: oggi parliamo del ristorante Baccanti.

Vivere appieno l’atmosfera di Matera e dei suoi Sassi significa ripercorrere i sentieri del tempo.
Ristorante Baccanti
 propone un viaggio culinario intenso che si impreziosisce di un luogo magico per amplificare l’estasi dei sensi. Ricavato nell’ambiente unico dei Sassi rappresenta la giusta combinazione di tradizione e innovazione. 

Tra queste pietre si respira una storia antica che ha il sapore buono e genuino delle cose autentiche. Qui ogni momento risulta speciale ed indimenticabile. Un luogo particolare in cui è impossibile non tornare….e l’occasione di Matera 2019 può essere quella giusta! 
La tradizione contadina trasuda dalle pietre come anche dai particolari oggetti presenti, che rievocano le atmosfere originarie. E’ facile perdersi tra sapori e odori, percorrere gli spazi suggestivi di questo ristorante e scegliere un vino direttamente dalla cantina sotterranea: tutto questo rappresenta un’esperienza esclusiva e impareggiabile!

Le sale interne del Ristorante Baccanti, ricavate all’interno di queste grotte scavate nella roccia, dove le pietre parlano, regalano un’atmosfera da sogno, quella tipica di questa città che sembra essersi fermata nel tempo.

Oltra alle sale interne, un ambiente esterno permette di vivere l’esperienza “dei sassi” in modo ancora più completo, con un panorama affascinante e alla luce della luna, garzie alla quale lo scenario naturale si trasforma in un paesaggio d’altri tempi in cui è bellissimo immergersi. 
Dal terrazzo panoramico poi si domina tutto il circondario godendosi ogni dettaglio.

In cucina, Domenico Di Luca, 28 anni, campano di Torrre del Greco, è lo chef del ristorante Baccanti da circa 3 anni.
Diverse le sue esperienze in Italia, tra cui Palazzo Sasso a Ravello. La sua visione culinaria giovane e del territorio, ben si sposa con quella del patron Sergio Guanti, da 12 anni in attività con il suo ristorante, e da sempre appassionato di buona cucina. In precedenza si è occupato di movida notturna con alcuni locali, per poi dedicarsi al percorso della ristorazione in un contesto cittadino non facile, dove si è saputo ben imporre per la qualità delle pietanze e della cantina, raccogliendo dopo circa un decennio, i risultati di tanto duro lavoro e impegno.

La filosofia di cucina del ristorante Baccanti è focalizzata sull’attenzione per il territorio, con circa il 90% delle materie prime locali utilizzate. Tanti piccoli produttori e contadini, oltre a salumi e formaggi selezionati con cura. Prodotti di altissima qualità, trasformati il meno possibile per valorizzarne al massimo le peculiarità. Una cucina semplice e dai sapori autentici. 

Quest’anno Matera si trasforma nell’ombelico del mondo, in quanto capitale europea della cultura.
Il progetto delle capitali europee della cultura mira a valorizzare la ricchezza, la diversità e le caratteristiche comuni delle culture europee, contribuendo così a promuovere il dialogo interculturale e la comprensione reciproca fra cittadini dell’Unione Europea. Matera è la quarta città italiana a essere designata dopo Firenze (1986), Bologna (2000) e Genova (2004). 
Matera, che ha scelto il tema “Open future, vuole sfruttare al massimo questa opportunità per dimostrare che la cultura può contribuire a costruire un’Europa migliore e più inclusiva. 

Quale occasione migliore per scoprire la cultura culinaria di questa regione?

Noi lo abbiamo fatto, e continueremo in questo viaggio…

…Basilicata Coast to Coast For Food (#basilicatacoast2coast4food)

Ristorante Baccanti – Via Sant’Angelo 58-61 Matera

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto