A Bologna hanno una patata liscia, chiara e polposa: una DOP!
Io mangio wild e tu? Wooding bar a Milano
21 Ottobre 2017
Pensare il cibo: il punto di vista filosofico.
23 Ottobre 2017

Patata di Bologna D.O.P.

Pelle liscia, colore chiaro, occhi pronunciati e polpa consistente di colore giallo paglierino.

Ecco le unicità della patata di Bologna.

Nessuna malizia, ve lo assicuro!

Si sta parlando della patata che nel 2012 ha ottenuto il  riconoscimento comunitario D.O.P. – la prima patata di origine protetta in Italia, e che ha portato alla nascita del relativo Consorzio di tutela:

“Un centinaio tra produttori, aziende agricole e confezionatori del capoluogo emiliano, che rispettano un disciplinare rigidissimo di coltivazione (su circa 400 ettari) e di immagazzinamento della sola varietà Primura dentro i confini provinciali”.

…così ne ha parlato l’assessore  Simona Casella (assessore di Bologna all’agricoltura, cacca e pesca) durante la conferenza stampa di presentazione a Milano delle novità di tale consorzio, soprattutto nel campo di comunicazione social.

La Patata di Bologna D.O.P., varietà Primura, è coltivata e lavorata da oltre 60 anni nella provincia di Bologna: un territorio particolarmente vocato, un ambiente ottimale, e il lavoro di agricoltori che rispettano stringenti discipline produttive, con l’obiettivo di realizzare un prodotto prelibato e unico, di elevata qualità e massima versatilità di utilizzo.

La varietà Primura si è imposta per le sue qualità organolettiche e l’idoneità a tutti gli usi, nello specifico la patata D.O.P. si contraddistingue per un profilo dalle seguenti caratteristiche:

  • La forma è allungata con occhi pronunciati.
  • Il colore della buccia è chiaro e tendente al dorato.
  • La polpa è di media consistenza e di colore giallo paglierino.
  • Il profilo gustativo è caratterizzato da un sapore appena accennato di dolce, che si sposa particolarmente bene con sapori sapidi e salati.

Alla conferenza stampa anche la presenza folcloristica e genuina della presidentessa delle Cesarine di Bologna, Stella Coppi, che racconta della nascita di questa associazione:

“Nel 2004 eravamo quattro o cinque, l’intento del mettersi insieme era proprio quello di mantenere vivi i sapori e i piatti tipici della tradizione italiana, anche quelli un po’ maltrattati e snobbati e che oggi vengono ripresi e ricercati”

e che lancia un  giro di tavolo tra i presenti per conoscere la ricetta preferita da ognuno, con le patate: si passa dal classico e intramontabile purè al più ricercato uovo poscè con crema di patate e limone,  passando attraverso tortini di patate e salmone, torte dolci e salate, ventagli di patate ripieni di pancetta e gratinati al forno…

E la molteplicità delle ricette è la valida scusa  della “Cesarina madre” per evidenziare come il gusto unico di questa patata di Bologna DOP si presta perfettamente a numerose preparazioni ed è ideale per tutti gli usi in cucina: bollita in insalata, schiacciata per farne un ottimo purè o gnocchi gustosi, oppure al forno.

L’occasione della presentazione da parte del Consorzio, oltre che per ingolosire i presenti con ricette e suggerimenti culinari, è nata dal desiderio di condividere le novità in campo “comunicazione”:

  • l’immagine del consorzio è rinnovata, a partire dal nuovo logo composto da due patate stilizzate raffiguranti due anelli d’oro che si sovrappongono a simboleggiare la cooperazione e l’ unione, l’intreccio tra storia e cultura e tradizioni.
  • Il nuovo claim del consorzio che verrà diffuso in una campagna pubblicitaria su Tv, radio e stampa è “La bontà è di questa terra”, per evidenziare i valori del territorio, delle sue eccellenze produttive e delle persone che vi lavorano.
  • Una rinnovata attività social vede la Patata di Bologna DOP sempre più presente on line, anche a fronte del nuovo sito internet, più fruibile e navigabile e arricchito di alcune sezioni, quali “Una vip in cucina” che invita a mettere alla prova la bontà della patata Primura attraverso ricette proposte da grandi chef.

Per quanto riguarda le informazioni prettamente commerciali: la Patata di Bologna D.O.P.  è reperibile presso la Grande Distribuzione Organizzata e nei migliori negozi di ortofrutta, ed è disponibile nei formati da Kg 1,5 – Kg 2,0 – kg 2,5 con un prezzo al pubblico consigliato di € 1,20 al Kg.

Per ogni altro tipo di informazione: www.patatadibologna.it

Storie di Cibo ha testato la patata in diretta, e conferma sulla bontà!

Ora ci cimenteremo in ricette da grandi chef 😉

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto