Budino al cioccolato: storia e videoricetta di Barolino babychef - Storie di Cibo
Il delivery Bottura: oggi o mai più!
14 Novembre 2020
FOCUS per esorcizzare il Covid. Per berlo: ParlaPiano
15 Novembre 2020

Budino al cioccolato: storia e videoricetta di Barolino babychef

Budino al cioccolato: ricetta rapida a prova baby chef!

Barolino Chef presenta la sua videoricetta, semplice e gustosa.

Il budino al cioccolato è uno dei dolci più semplici e golosi in assoluto.

Facile da preprare, apprezzato da grandi e piccini e soprattutto versatile, in varianti e impiattamenti.

La sua preparazione è incredibilmente semplice: basta far bollire il composto sul fuoco e poi metterlo in frigorifero a rassodare per avere pronto un dolce da servire come fine pasto o a merenda.

Abbiamo preparato una versione in video passaggi di Barolino chef, con alcune curiosità qui riportate.

Il Budino è oggi una preparazione generalmente a base di latte, zucchero, farina e uova, arricchito da svariati ingredienti aromatizzanti, ma il termine non sarebbe nato per riferirsi ad una ricetta dolce bensì ad una salata.

Il termine budino deriva infatti dal latino botellus, ossia budella di animale che, in origine, si usava per preparare salsicce o budini salati dal ricco valore energetico.

Dal diminutivo volgare botellinus deriva il francese boudin che in origine indicava ancora una preparazione di salumeria. 

Il Ménagier (fine del secolo XIV) descrive le ricette per un boudin blanc (salsiccia) e un boudine noir (sanguinaccio), che nella cucina inglese diventa poi (black) pudding. 

Tutte queste preparazioni si sarebbero evolute solamente nel corso del XVIII secolo nelle tipologie di budini dolci conosciute oggi, mantenendo dei prodotti di salumeria soltanto la consistenza morbida.

Il termine italiano budino è un adattamento dell’inglese pudding (è documentata nel Settecento la forma pudino o puddingo) sul quale in seguito influì probabilmente anche il francese boudin: appare infatti per la prima volta nel 1808 la forma bodino e nel 1892 quella attuale.

Della famiglia del budino fanno parte creme in tazza, creme caramel, bavaresi, ma tra le diverse varianti di realizzazione, attualmente il budino più apprezzato è sicuramente quello classico al cacao, ingrediente non presente però nelle ricette di fine ‘800.

Il budino era un prodotto molto diffuso in Veneto, usato non solo come dolce, ma anche come secondo piatto; venivano mescolati latte, miele, riso, uva passa, farina e zucchero che lo rendevano molto ricco.

Nello stesso periodo anche in Gran Bretagna il budino cotto (boiled pudding) era il cibo giornaliero della marina militare Royal Navy.

Un antico dolce persiano, il Shol El-Zard, realizzato per la festa dell’Imam Hussein è un altro tipo di budino dolce a base di riso cotto, zafferano, mandorle e pistacchi. 

Anche la cucina turca offre una variante di questo dolce, il pudding di Noé. Una sorta di zuppa dolce e densa che contiene frutta secca e cereali.

Nel Nord America, il budino è un dessert cremoso fatto esclusivamente con latte e uova. Viene servito con panna montata e frutta (in genere mirtilli rossi). 

Invece nell’America Meridionale, molti dolci si basano sul budino europeo, con aggiunta di frutta esotica e facilmente abbinabili a formaggi cremosi.

E dopo questa carrellata storico-gastronomica, passiamo alla ricetta che abbiamo elaborato con Barolino Chef, ricetta molto semplice immediata e appunto a prova di baby chef!

Ingredienti per 6 persone:

  • 1 litro di latte intero
  • 4 cucchiai di Cacao Amaro
  • 4 cucchiai di zucchero semolato
  • 4 cucchiai di amido di mais

Procedimento facile:

  • in una casseruola antiderente versare le polveri (cacao, zucchero e amido di mais)
  • versare 3/4 del latte e mescolare possibilmente con una frusta fino al completo scioglimento delle polveri nel latte
  • aggiungere il restante latte
  • mettere sul fuoco fino ad ebollizione continuando a mescolare, fino a quando si ottiene una consistenza abbastanza densa
  • versare il contenuto in 6 stampini (o stampo unico) e lasciare raffreddare prima a temperatura ambiente poi in frigorifero per almeno 3 ore totali
  • Servire con guarnizioni a piacere.

Questa è la versione base, ma ne esistono anche di più elaborate o varie.

E’sufficiente utilizzare della vaniglia per aromatizzare il budino.

E’ possibile anche ingolosire la ricetta con aggiunta di burro e miele, o ancora utilizzare cioccolato fondente sciolto a bagno maria invece del cacao in polvere, oppure preparare una base di biscotti e burro impastati con un po’ di miele per dare un fondo croccante.

Possibile anche alleggerirla, utilizzando latte magro, riducendo lo zucchero, o proprio evitare i latticini usando latte di mandorla o di riso..

Insomma è possibile sbizzarrisi e fare la propria versione.

Fateci avere le vostre prove, con ricette e foto, saremo felici di pubblicarle!

Qui la video ricetta di Barolino Chef, con ingredienti e procedimento visti sopra:

 

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto