L'amaro italiano si racconta a Essenza Lucano - Storie di Cibo
San Pellegrino con le 4 tappe di Food Meet Future
19 Giugno 2019
Igles Corelli a San Patrignano: tra campo di calcio e cucina
23 Giugno 2019

L’amaro italiano si racconta a Essenza Lucano

Nasce Essenza Lucano, il nuovo spazio espositivo di Amaro Lucano.

I visitatori possono ripercorrere la storia dell’azienda, 125 anni di tradizione, passo a passo, con un’esperienza unica nel suo genere.

Essenza Lucano porta il visitatore a immergersi nella storia di Lucano, a partire dalla base del prodotto, le erbe, passando dalla famiglia Vena, dalla storia fino a oggi, attraverso un’esperienza tecnologica con video e tool interattivi volta a valorizzare il legame tra Amaro Lucano e la Basilicata. 

Un racconto fatto di cinque differenti capitoli che prendono forma in 5 differenti aree tematiche:

  1. Lucania,
  2. Lucano,
  3. Amaro,
  4. Storia
  5. e Pacchiana,

dedicate a esplorare gli ingredienti vincenti della storia della Famiglia Vena,  una famiglia lucana che partita da un liquore nato dalla più profonda tradizione locale è diventata una delle più importanti aziende nazionali nella produzione e commercializzazione di spirits, del celebre liquore e della sua terra d’origine, la Lucania.

Si parte dal giardino aromatico della corte dove si possono toccare e respirare le 32 preziose erbe che sono la base dello storico Amaro Lucano.

All’ingresso di Essenza gli ospiti hanno la possibilità di interagire con capostipite della famiglia Vena, il Cavaliere Pasquale Vena, che a fine ‘800 decise di approfondire la sua passione per l’arte dolciaria lavorando in una rinomata pasticceria di Napoli, e quella per le erbe, vero segreto della tradizione liquoristica italiana.

Forte di queste conoscenze ritornò a Pisticci e nel retrobottega del biscottificio di famiglia, creò la ricetta, tutt’ora segreta e inconfondibile, dell’Amaro Lucano, nome omaggio alla sua terra d’origine. 

Il viaggio continua ripercorrendo un susseguirsi di successi grazie alla grande passione e dedizione con cui, da 4 generazioni, la famiglia Vena guida l’azienda, ad oggi presente in 15 paesi nel mondo.

Si prosegue poi verso un immenso spazio espositivo arricchito dalle più celebri campagne pubblicitarie, dalle parole di chi, in prima persona, ha vissuto sulla sua pelle la storia dell’Amaro e della sua Lucania. 

Immancabile ovviamente, il flagship Lucano La Bottega dove poter degustare il sapore unico ed equilibrato del celebre liquore e tutti gli altri prodotti del portfolio Lucano.

Dagli antichi torchi in noce alle nuove sperimentazioni culturali e sensoriali, Essenza coniuga pratiche antiche a nuovi modelli di impresa, per ottenere risultati capaci di influenzare le idee di sviluppo del territorio.

L’area espositiva nasce infatti dalla riqualificazione di un’area dismessa di Pisticci Scalo, dove dal 1965 sorge lo stabilimento Lucano. 

Essenza è un’occasione imperdibile anche per visitare Matera Capitale Europea della Cultura 2019 di cui Amaro Lucano è Essential Partner.

I suoi 20.000 mq, dotati di spazi espositivi perfettamente attrezzati per ospitare showcooking, masterclass enogastronomiche, tasting experience, saranno la location di numerosi appuntamenti culturali, enogastronimici e d’intrattenimento, in occasione delle celebrazioni di Matera 2019 (almeno così negli intenti!)

Essenza Lucano: un’essenza da condivivere, un viaggio emozionante, ricco di grandi verità, dove toccare, assaporare e vivere l’essenza della tradizione.

Nel nostro viaggio #BasilicataCoast2Coast abbiamo visitato l’azienda, abbiamo assaporato l’amaro in tutte le sue forme.

E in questi giorni a Milano abbiamo avuto modo di rincontrare la famiglia che ha creato e sta portando avanti tutto questo, grazie ad una presentazione al pubblico meneghino di quello che sarà Essenza.

Ora attendiamo l’apertura di questo spazio per immergerci nell’ essenza della storia dell’Amaro.

..e intanto ci godiamo una bottiglia Limited edition!

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto