Un pettirosso e la Robiola DOP ci raccontano di RobIn - Storie di Cibo
#MilanoKeepsOnCooking: chef milanesi anti virus sui social
6 Marzo 2020
Campagne social di cuochi in aiuto agli ospedali
11 Marzo 2020

La Robiola di Roccaverano DOP e il Pettirosso “Robin” insieme formano Rob-In ovvero robiola e dintorni.

Un nuovo progetto di promozione di prodotti e territorio con a capofila il consorzio di tutela del Formaggio Robiola di Roccaaverano DOP.

Il Pettirosso, “Robin” (robin in lingua inglese significa pettirosso), è noto a tutti come l’uccellino dal carattere vivace e dal canto melodioso. Alla sua figura sono legate storie e leggende, versi poetici e detti popolari. Simbolo di resistenza dei mesi più freddi affonda le sue origini nella lontana mitologia passando per Gesù Cristo e arrivando alle note di Chopin. Eleganza e armonia, ma anche forza e risolutezza, tenacia e temerarietà.

Robin è oggi il simbolo di “Rob-In” ovvero: “ROBiola e dINtorni” il nuovo progetto di promozione di prodotti e di territorio con a capofila il Consorzio di Tutela del formaggio Robiola di Roccaverano DOP.

Un’iniziativa con uno slancio positivito in un momento di difficoltà generale.

Lalocalità è quella delle Province di Asti, Alessandria e Cuneo, sei delle quali incluse nel disciplinare di produzione della Robiola di Roccaverano DOP e altre 3 in cui si collocano le aziende produttrici degli altri sapori locali che prendono parte al progetto.

Il territorio geografico comprende 9 Comuni: Bubbio, Cartosio, Cossano Belbo, Loazzolo, Monastero Bormida, Rivalta Bormida, Roccaverano, San Marzano Oliveto e Vesime.

Rob-In” infatti include 15 realtà: 12 Aderenti e 3 Partner in ATS. E verrà spalmato su una durata di 24 mesi.

Si tratta di Aziende Agricole, Vinicole e di ricezione turistica specializzate nella produzione di Robiola di Roccaverano DOP, Vino, Vermouth Torino, Salumi, Cereali, Ceci, Nocciole, Miele, Zafferano e Dolci.

Tutti prodotti che si contraddistinguono per la loro filiera corta di produzione oltre che per l’alta qualità e la territorialità.

In questi mesi la finalità del Pettirosso sarà quella di promuovere una terra che in buona parte coincide con il territorio della “Unione Montana Langa Astigiana Val Bormida” e della “Langa Astigiana tra Monferrato, Appennino Ligure e Alpi”, un comprensorio molto vasto ma morfologicamente e dal punto di vista paesaggistico decisamente simile e unito e con un’alta vocazione agricola.

La promozione, oltre che per la Robiola di Roccaverano DOP, sarà operativa per una serie di prodotti delle Aziende locali, realizzati con regimi di qualità DOP, DOCG, IGP e Biologico, ampliando così l’assortimento offerto in loco a turisti e residenti.

Tutti i prodotti del paniere del Pettirosso saranno acquistabili a Roccaverano presso l’Albergo del Bramante.

Verranno anche sviluppate iniziative di vario genere:

  • sarà attivo un Qr Code dinamico posizionato nei percorsi di trekking, nelle piste ciclabili, nelle zone calde dei Comuni delle Aziende: piazze dei mercati, sedi comunali, ecc.
  • Sarà disponibile un sito internet www.rob-in.it sul quale si troveranno i percorsi, le aziende, i prodotti, il materiale fotografico e video, nonché le date degli eventi collaterali.
  • Si organizzeranno eventi come le degustazioni presso la Scuola della Roccaverano, presso le Aziende, presso il Bramante.
  • Verranno promossi i prodotti del paniere del Pettirosso alle manifestazioni di settore più significative come, per esempio, il Salone del Gusto di Torino.

Così precisano i responsabili del progetto:

“Saranno 24 mesi di lavoro con il quale ci auspichiamo tutti di rafforzare il miglioramento del benessere della popolazione locale e dello sviluppo territoriale.

Si lavorerà al fine di ottenere una riduzione della frammentazione dell’offerta turistica mediante un’adeguata coordinazione dell’immagine del territorio; cercando di rafforzare e promuovere l’identità locale ad un pubblico italiano e straniero sempre più vasto”.

Il primo evento in programma sarà Domenica 10 maggio a Roccaverano (P.za Barbero).

Le Aziende del Progetto ROBiola e dINtorni:

  • Albergo del Bramante di Roccaverano (AT)
  • Consorzio per la Tutela del formaggio Robiola di Roccaverano DOP
  • Az.Agr. Mario Torelli di Torelli Gianfranco (Vini e Vermouth Torino)
  • Azienda Agricola Elisa Mascetti (Vini, Ceci, Farro, Farine)
  • Agriturismo Luna di Miele di Ceretti Maria Paola (Miele e prodotti agroalimentari)
  • Azienda Agricola Giaminardi Gianluigi (Zafferano in pistilli)
  • Azienda Agricola di Negro Alessandro denominazione CASCINA MADOVITO (torta di Nocciole)
  • Azienda Agricola Forteto della Luja s.r.l. (Vini)
  • AgrimacelleriaPantalien di Azienda Agricola RahelMarjaBeglinger (Salumi)
  • Azienda Agricola Marconi (Robiola di Roccaverano DOP)
  • Società Cooperativa Agricola “La Masca” (Robiola di Roccaverano DOP)
  • Azienda Agricola Buttieroe Dotta di ButtieroAdelaide (Robiola di Roccaverano DOP)
  • Amaltea di SagliettiDaniela (Robiola di Roccaverano DOP)
  • Azienda Agricola Musolino Giuseppa (Robiola di Roccaverano DOP)
  • Azienda Agricola La VirandaSoc. Coop (Robiola di Roccaverano DOP)

Storie di Cibo a suon di cinguettio con Rob-In!

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto