Storie di Cibo al Festival del Giornalismo Alimentare a Torino
Knam Chocolate Experience: quattro giorni di dolcezza salata
21 Febbraio 2018
Guida Ristoranti INGRUPPO 2018: il “voglio ma non posso” diventa “voglio e ceno”!
1 Marzo 2018

Festival Giornalismo Alimentare 2018

Ci siamo anche noi di Storie di Cibo, e quest’anno anche come protagonisti, al Festival del Giornalismo Alimentare a Torino!

Prende il via domani, giovedì 22 Febbraio la terza edizione di questa manifestazione, ospitata nelle sale del Centro Congressi “Torino Incontra” della Camera di Commercio di Torino, in via Nino Costa 8.

Un calendario ricco di conferenze, incontri, discussioni intorno ad argomenti attuali e vivi, sulla base “cibo”.

Ad aprire i lavori in vista anche delle imminenti elezioni, la tematica su “Quali politiche alimentari per la prossima legislatura?”. I principali enti e associazioni di categoria della filiera alimentare avranno l’occasione di presentare le proprie aspettative e richieste da inserire ai vertici dell’agenda della prossima legislatura.

Tra gli altri temi trattati durante le giornate:

  • la Mafia nella ristorazione e distribuzione per capire come viene rappresentato sui media un problema di legalità e sicurezza alimentare,
  • l’italian sounding 
  • trattati sul cibo
  • formazione e confronto tra le diverse anime della comunicazione alimentare, con il seminario su “Freelance, foodblogger, brand journalist: ovvero imprevisti e probabilità nell’era dell’informazione 4.0” e i due panel sul Brand journalism e sul futuro dei free lance.
  • i falsi sul cibo (dal Barollo al Parmesan)
  • il Novel food: come comunicare i nuovi cibi
  • il cibo come veicolo di integrazione
  • come gestire i mestieri di food blogger e di influencer
  • la comunicazione del mondo veg
  • ….

 

Importante novità di questa terza edizione è l’appuntamento Business to Business dedicato ad aziende e professionisti della comunicazione.

In uno spazio riservato di Torino Incontra, alcuni Maestri del Gusto di Torino e Provincia, selezionati dalla Camera di Commercio di Torino in collaborazione con Slow Food Italia, incontreranno le nuove professionalità della comunicazione (blogger, social media manager, influencer), che potranno promuoversi come consulenti.

Altra grande novità saranno i laboratori pratici:

i partecipanti si cimenteranno in assaggi guidati di acqua, analisi di laboratorio su campioni di cibo contaminati e una lezione pratica sull’etichettatura alimentare.

Quest’anno anche CinemAmbiente aderisce al Festival, organizzando un’edizione speciale intitolata “Una buona occasione al cinema” e dedicata al tema dell’alimentazione e della sostenibilità ambientale: l’appuntamento in questo caso è nelle serate di giovedì e sabato, a partire dalle 18.30, presso il Cinema Centrale di Torino con ingresso gratuito.

Per l’accoglienza di tutti i partecipanti, il Festival conta sul supporto degli studenti della Scuola Alberghiera di Stresa e dell’Istituto Beccari di Torino, mentre le pause pranzo durante i lavori sono offerti dall’Associazione gastronomica peruviana di Torino.

Come nelle passate edizioni, il Festival è arricchito da “eventi off” organizzati durate le serate per approfondire alcuni temi, accompagnando anche degustazioni e visite di location particolari.

Quest’anno il programma OFF prevede:

per Giovedì 22 febbraio

  • un “Aperitivo con i Maestri del Gusto#digital” a Palazzo Birago, con #MaestriDigital, progetto della Camera di commercio di Torino rivolto a 23 Maestri eccellenti
  • uno Showcooking dal titolo “La cucina senza sprechi nella tradizione del cibo italiano” a Fiorfood di Coop (Galleria San Federico): una lezione di cucina sugli sprechi.

per Venerdi 23 febbraio

  • “La Piemontese entra nel panino”da M**BUN (via Urbano Rattazzi 4), dove il volto inedito della celebre carne piemontese si scopre ingrediente di lusso per questo originale slow fast food a Km zero.
  • A seguire una chiacchierata con noi di Storie di Cibo sulle tematiche di “cibo sociale”, quello nello specifico utilizzato come riscatto dai detenuti (le varie attività di cibo nelle carceri italiane, che hanno dato vita al nostro progetto e libro Storie di cibo Detro le Sbarre)
  • “Il Vietnam è servito” da Cookin’ Factory, dove l’artista del gusto Claudia Fraschini accompagnerà gli ospiti in un viaggio di gusto della cultura vietnamita.

Altra caratteristica tipica del Festival è l’organizzazione dei Press Tour nella giornata di sabato: tour enogastronomici alla scoperta di sapori e realtà piemontesi e non, organizzati in collaborazione con enti e aziende esterne.

Anche in questo caso Storie di Cibo sarà protagonista di un evento!

Abbiamo organizzato (sempre al’interno del progetto Storie di cibo Dietro le Sbarre) un “pranzo al fresco”, ossia un pranzo all’interno del carcere di Torino, nel nuovo ristorante Liberamensa attivato proprio per far lavorare i detenuti, e far conoscere all’esterno questa realtà.

Il tour è arricchito da  una colazione da Edit, innovativo polo gastronomico torinese, e dalla visita a  Freedhome, concept store dedicato alle eccellenze gastronomiche e artigianali delle realtà carcerarie italiane.

Oltre al “nostro” tour, i giornalisti hanno potuto scegliere tra un’ampia gamma di opzioni, tutte curiose e interessantissime (io stessa vorrei dividermi in tante-Nadie per partecipare a tutti!):

  • Val d’Aosta golosa, alla scoperta della Fontina DOP a Valpelline, dello stabilimento di produzione del Vallée d’Aoste Lard d’Arnad DOP e del Ristorante Arcaden per il pranzo.
  • Dove nasce il bue grasso, alla scoperta degli allevamenti e della storia di una delle razze bovine più pregiate al mondo.
  • Fieno, latte&Co. …, alla scoperta della tradizione casearia del territorio con visita all’azienda latteo-casearia  a Moretta (Cuneo) e con  pranzo stellato presso l’Antica Corona Reale di Cervere con lo chef Gian Piero Vivalda.
  • Chieri gourmet con un tour con i Maestri del Gusto della zona, con un pranzo nel ristorante sociale dell’Ex Mattatoio, e con una tappa alla Martini Bar Academy di Casa Martini, a Pessione.
  • La riscoperta di un pesce antico con curiosità sulla Tinca Gobba Dorata, unico pesce DOP italiano, e visita del  Pianalto di Poirino (TO) con le sue secolari peschiere.
  • Splendori di…vini con visita all’Enoteca regionale dei vini della provincia di Torino, incontro con i produttori dei vini selezionati dal progetto TorinoDOC e pranzo da Eataly Lingotto.
  • Passeggiando con Gusto con vista al caratteristico quartiere San Donato di Torino, per incontrare i Maestri del Gusto della zona, e con tappa finale presso la Piazza dei Mestieri per la visita al celebre birrificio artigianale interno e una degustazione sperimentale di birra e cioccolato.
  • A lezione di cucina Veg  con una “master class” sul caffè e  in collaborazione con FunnyVegan, pranzo da Soul Kitchen, primo ristorante vegano d’Italia con un menù dedicato ai crudisti, con le proposte del titolare Luca André. Ospite d’eccezione lo chef Simone Salvini.
  • Invito al Castello nello splendido Castello di Costigliole d’Asti, ospiti del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato e dell’Italian Culinary Institute For Foreigners (ICIF)
  • Obiettivo sapore con un’aperispesa dal Maestro del Gusto Angolo dei Sapori, alla scoperta di produttori a km zero, e un workshop creativo di cucina e fotografia nei laboratori di Cookin’ Factory in collaborazione con Nikon.

Tutti i dettagli sul sito www.festivalgiornalismoalimentare.it.

Come Storie di Cibo siamo davvero orgogliosi di partecipare all’organizzazione.

Felici di diffondere il progetto Storie di Cibo Dietro le Sbarre 😉

Seguiteci!

 

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto