Baci Rosa benefici alla Pasticceria Martesana - Storie di Cibo
Panettone D’Autore a Monza: degustazioni in boutique
22 Novembre 2019
Tano Passami l’Olio cambia sede, ma non filosofia
24 Novembre 2019

Baci Rosa da Pasticceria Martesana a sostegno delle donne vittime di maltrattamenti.

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne Pasticceria Martesana sostiene La Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate di Milano.

In vendita lunedi 25 novembre presso le tre pasticcerie Martesana di Cagliero – Sarpi – Sant’Agostino i Baci Rosa, baci di dama dedicati alle donne e ripieni di finissimo cioccolato rosa.

Il ricavato ottenuto dalla vendita dei Baci Rosa andrà interamente devoluto in beneficienza a La Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate di Milano (CADMI), il primo Centro Antiviolenza nato in Italia, nel 1986.

CADMI rappresenta il punto di riferimento per le donne che subiscono violenza fisica, psicologica, sessuale, economica e stalking; da allora ha affiancato oltre 30 mila donne in difficoltà e dal 1991, con l’apertura della prima casa segreta, ha seguito 600 progetti di ospitalità per donne in stato di pericolo.

Acquistando una sacchettino da 100g dei golosissimi Baci Rosa grazie a Pasticceria Martesana verranno donati 5,00 Euro a CADMI, offrendo aiuto ad ogni donna -indipendentemente dalla sua cittadinanza, etnia e orientamento sessuale – che contatta il Centro per parlare della propria esperienza e per valutare percorsi di uscita dalla violenza.

Ci vediamo da Pasticceria Martesana per contribuire insieme a una giusta causa!

 

Per info: 

Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate di Milano, Via Piacenza 14 Tel. 02 55015519 - www.cadmi.org

Bonifico bancario:
IBAN: IT52 Q030 6909 6061 0000 0124 426
Codice BIC: BCITITMM
presso Banca Intesa Sanpaolo
Intestatario: Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate

Bollettino postale: c/c n. 21986237

Bonifico postale: IBAN IT03U0760101600000021986237

5×1000: CF 97086840150
Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto