Tra la birra e il prosecco: le bolicine della Poretti 10 luppoli rosè
stella sbarre
Chef stellati in carcere: più stelle e meno sbarre.
22 Aprile 2016
Storie di cibo – Book : “Segreti, bugie e cioccolato”
21 Luglio 2016

Tra la birra e il prosecco: le bollicine della Poretti 10 luppoli rosè

birra poretti Rosè 10 lippoli

Tra la birra e il prosecco: le bollicine della Poretti 10 luppoli rosè

Il comunicato stampa la definisce “sorprendente”.  E chi l’ha assaggiata si dice d’accordo con questa definizione:

Per il suo perlage fine ed elegante, per la sua schiuma compatta e persistente, per il suo colore rosato e per la sua spiccata beverinità“.

Io ho avuto modo di assaggiarla direttamente al Birrificio Poretti, a Induno Olona, in una degustazione guidata e dettagliata, come ultima tappa di una visita a tutte le fasi di produzione di questa grande azienda nata dalla mente geniale di un “Angelo” italiano!

Quest’ultima nata del Birrificio Angelo Poretti, la 10 Luppoli Le Bollicine Rosé, è rosata e deve essere bevuta rigorosamente in flûte (…e anche qui il marketing si è dato da fare, e i bicchieri marchiati Poretti sono in vendita in tutte le loro forme e dimensioni!).

Si tratta di una birra rifermentata con lievito Saccharomyces bayanus che le conferisce una particolare frizzantezza, contiene 10 luppoli differenti provenienti da tutto il mondo (e qui c’è la storia che ho scoperto in Expo del desiderio di fare una birra coi luppoli dei 5 continenti….ma ahimè l’Africa non è rientrata per carenza di quantitativi…).

E’ stata prodotta utilizzando esclusivamente malto di frumento e il suo colore particolarmente bello (e inusuale per una birra) è dato dalla carota violetta (sì, proprio la carota, quando me lo hanno raccontato mi sono assicurata di aver sentito bene!).

Niente di artefatto o di chimico, solo la carota violetta, la carota “originale” ricca di polifenoli e flavonoidi conosciuta per le sue caratteristiche antiossidanti dai tempi dell’antico Egitto….

Ma di questo argomento vi parlerò in un prossimo articolo, completo di dettagli e ricette su questo simpatico ortaggio!

Qui solo una piccola regressione storica per evidenziare che già nel XIV secolo in Europa si importavano carote violette.

Nel 1720 gli olandesi decisero di cambiarne il colore facendola diventare arancione in onore della dinastia regnante, gli Orange. Così, nel giro di qualche anno, si arrivò a una carota arancione perdendo le semenze della versione originale che solo recentemente sono state recuperate dando vita ad un prodotto molto pregiato e apprezzato dagli chef.

Il profumo leggero e ricco di suggestioni olfattive della 10 Luppoli Le Bollicine Rosé è frutto di un bouquet di 10 luppoli diversi provenienti da tutto il mondo:

l’americano Citra, i tedeschi Hallertau Mittelfruh, Hallertau Tradition e Saphir, il francese Aramis, l’inglese East Kent Golding, gli australiani Summer e Ella, il giapponese Sorachi Ace e il ceco Saaz.

Particolarmente piacevole anche negli abbinamenti (esempio con risotto con le fragole o con dei crostacei, come ho testato in due eventi della movida culinaria milanese!) la 10 Luppoli Le Bollicine Rosé sembra ritagliarsi uno spazio tutto suo tra il mondo della birra e quello del prosecco, e forse anche tra chi non ama particolarmente nè l’una nè l’altro e trova qualcosa di particolarmente adatto al suo palato, e alla sua curiosità!

Qui di seguito la cartella tecnica rilasciata dal Birrificio Poretti:

• PROFILO •

Le Bollicine Rosè, una scoperta inaspettata. Una birra dall’intrigante e sorprendente colore rosa tenue. Il profumo raffinato, Il profumo raffinato, leggero e ricco di note aromatiche è frutto di un bouquet di 10 diverse varietà di luppolo provenienti da tutto il mondo

• GRADO ALCOLICO •

6% VOL.

• ABBINAMENTI •

Ideale per accompagnare crudité di pesce, crostacei, formaggi a pasta fresca e fragole.

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto