Le 10 uova di cioccolato da provare a Milano - Storie di Cibo
Le 12+1 migliori Colombe di Milano … e qualcosa in più!
26 Marzo 2018
Regina Colomba 2018: la corona alla Pasticceria Posillipo Dolce Officina
29 Marzo 2018

Periodo di Pasqua, due dolci a confronto:

Prima di patire con la carrellata delle 10 pasticcerie da visitare per assaggiare e comprare l’uovo di Pasqua, qualche indicazione storica:

  • La tradizione del classico uovo di cioccolato è recente, ma il dono di uova vere, decorate con qualsiasi tipo di disegni o dediche, è correlato alla festa pasquale sin dal Medioevo.
  • La tradizione del dono di uova è documentata già fra gli antichi Persiani dove era diffuso lo scambio di semplici uova di gallina all’avvento della stagione primaverile, seguiti nel tempo da altri popoli antichi quali gli Egizi, i quali consideravano il cambio di stagione una sorta di primo dell’anno, i Greci e i Cinesi. Spesso le uova venivano rudimentalmente decorate a mano.
  • L’usanza dello scambio di uova decorate si sviluppò, nel Medioevo come regalo alla servitù.
  • Nel medesimo periodo l’uovo decorato, da simbolo della rinascita primaverile della natura, divenne con il Cristianesimo il simbolo della rinascita dell’uomo in Cristo.
  • La diffusione dell’uovo come regalo pasquale sorse probabilmente in Germania, dove si diffuse la tradizione di donare semplici uova in occasione di questa festività.
  • La ricca tradizione dell’uovo decorato è però dovuta all’orafo Peter Carl Fabergé, che nel 1883 ricevette dallo zar il compito di preparare un dono speciale per la zarina Maria; l’orafo creò per l’occasione il primo uovo Fabergé, un uovo di platino smaltato di bianco contenente un ulteriore uovo, creato in oro, il quale conteneva a sua volta due doni: una riproduzione della corona imperiale ed un pulcino d’oro. La fama che ebbe il primo uovo di Fabergé contribuì anche a diffondere la tradizione del dono interno all’uovo.
  • In tempi più recenti l’uovo di Pasqua maggiormente celebre e diffuso è il classico uovo di cioccolato, che ha conosciuto largo successo nell’ultimo secolo.

Dopo questa premessa storica (un po’ di cultura, oltre al cibo, non fa male!) ecco una carrellata di uova di pasticcerie milanesi che vale la pena di provare…e perché no di regalare per una Pasqua golosa e allegra!

 Le uova della Milano Chocolate Academy

I pastry chef della accademia del cioccolato milanese ci regalano alcune creature bizzarre e divertenti, realizzate proprio a partire dal “corpo a uovo”.

Il direttore Davide Comaschi, campione del mondo di cioccolateria ha ideato una moderna versione del classico uovo di Pasqua. Usando burro di cacao e cioccolato bianco belga Callebaut, e ispirandosi all’Architetto barcellonese Antoni Gaudì, ha dato vita ad un vero e proprio mosaico avveniristico dai colori oltremarini, in cui le tessere colorate si incastrano tra loro.

Il resident chef Alberto Simionato  ha rivisitato le uova pensando ai loro principali destinatari e fruitori, i bambini. Così utilizzando diversi tipi di cioccolato a marchio Cacao Barry come lo Zéphyril Lactéel’Elysée e il Mi-amère, ha ideato una serie di animaletti divertenti destinati ai più piccoli, molto colorati e caratterizzati da grandi occhi a palla.

L’uovo di Pasqua coi frutti rossi di Farage cioccolato.

A Milano, nel cuore di Brera, in una deliziosa sala da tè c’è  Farage Cioccolato, dove la novità 2018 per quanto riguarda l’uovo di Pasqua è l’uovo di cioccolato fondente completamente foderato (internamente) con frutti di bosco liofilizzati.

Gli acquisti possono essere effettuati anche tramite l’e-commerce del sito, con spedizioni in tutta Europa.

Farage – Via Brera 5, Milano  www.faragecioccolato.it

Le uova gelato di Naturalmente Milano

Nella boutique firmata Rigoni di Asiago, tra confetture e prodotti naturali, ci sono anche uova di cioccolato molto “fresche”! Qualche esempio: l’uovo gelato al gusto di latte e miele del bosco, nocciola e pistacchio oppure  l’uovo gelato in versione nocciola, Nocciolata, latte e Mielbio del bosco.

Naturalmente a Milano, Via Buonaroti 15

Le uova della Pasticceria Marchesi

Incartate nella stagnola nei colori caratteristici della Pasticceria Marchesi, le uova di Pasqua  sono disponibili al cioccolato fondente o al latte.

La Pasticceria Marchesi presenta inoltre una collezione di uova di Pasqua con elementi naturali dipinti o con fini decori in alto-rilievo in ghiaccia reale e pasta di zucchero eseguiti a mano su una base di finissimo cioccolato fondente.

Disponibili esclusivamente su ordinazione nei formati da 1kg, 1,5kg e 2kg.

Pasticceria Marchesi – Via S. Maria alla Porta 11/a; Galleria Vittorio Emanuele II; Via Monte Napoleone, 9   www.pasticceriamarchesi.com

Le uova di Pasqua decorate della Pasticceria Martesana

Si tratta di vere e proprie opere di “Egg Design”, realizzate dalla mano esperta di Alessandro Comaschi e dagli esperti pasticeri che lavorano in questa storica pasticceria milanese, sotto la guida di Enzo!

Le uova sono la base per la realizzazione di forme stravaganti e colorate:pesci colorati, personaggi con cestini pasquali, soggetti floreali e simpatici animali.

Pasticceria Martesana – Via Giovanni Cagliero, 14 oppure  via Paolo Sarpi, 62  –  www.martesanamilano.com

Le uova, i polli e i fenicotteri di Knam

Quest’anno la pasqua knam è tutta i rosa, con i fenicotteri che riempiono le sue vetrine!

Per restare in tema uova, la proposta Knam per la pasqua 2018 comprende, oltre alle classiche uova incartate con sorpresa (personalizzabili con il proprio regalo da porre all’interno), una serie di soggetti speciali: gli ormai insostituibili Knam Pollo e Pollo Pollock, accompagnati dal Knam Coniglio e da una serie di Galletti di varie misure e dimensioni, fino ad arrivare alle uova speciali.

E il rosa la fa padrone anche qui, con l’uovo Pink e il suo effetto vellutato, e l’Uovo Mondo, che ritorna, dopo il successo dello scorso anno, con una variante a tema dei Mondi di Knam.

Knam,scuola in via Sciesa 24/A; negozio in via Anfossi.  www.eknam.com

Le uova di Nicolò Moschella

Il giovane pastry chef di Cornaredo ha già messo alla prova le sue clienti con un corso dedicato all’uovo, e realizza le sue in formato classico (da  450 g) con diverse combinazioni di colori e cioccolato.
4 le varianti disponibili (tutte a € 50):
– fondente con decorazione al cioccolato bianco colorato rosso,
– al latte con decorazione al cioccolato bianco,
– cioccolato bianco con decorazione al cioccolato al latte,
– cioccolato bianco in colorazione rossa con decorazione cioccolato fondente

Laboratorio di pasticceria Nicolo’ Moschella Cornaredo: info sul sito sito www.nicolomoschella.it)

Punto vendita a Milano Just Love: Corso di Porta Ticinese 76, tel 0289423654.

L’uovo di Pasqua di Peck

L’uovo di cioccolato di Peck è fatto a mano, senza stampo, con un lavoro di estrema precisione dai pasticceri guidati dal Pastry Chef Galileo Reposo.

Un uovo attraversato da parte a parte da lame colorate per presentarsi con una superficie liscia ed uniforme dalla quale variopinti fasci di luce esplodono.   L’uovo è interamente realizzato usando un cioccolato molto caratteristico dall’intenso profumo di cacao (66% di cacao) mentre i fasci di luce sono fatti di cioccolato bianco per contrastare il deciso gusto del cioccolato fondente.

Altra proposta : Golden Egg, un elegante guscio ricoperto da cioccolato al latte impreziosito da sofisticate medagliette di cioccolato, frutta secca e canditi.

Peck – via Spadari, 9   www.peck.it

Le uova di Iginio Massari

Nella nuova pasticceria di Milina del maestro Massari non possono mancare le uova di cioccolato, realizzate qui con cioccolato finissimo, e con decorazioni da “alta moda”!

Iginio Massari – Via Guglielmo Marconi, 4/6 Milano

L’uovo pesce d’Aprile di Savini

L’uovo di Savini può essere tranquillamente utilizzato il 1? Aprile come pesce! E’ infatti un uovo di finissimo cioccolato fondente extra, impreziosito da pesciolini di cioccolato.

Savini Caffè  – Galleria Vittorio Emanuele II   www.savinimilano.it

Ora quindi non c’è che l’imbarazzo della scelta!

Oppure, non si sceglie e si provano tutti!

E se non si trova l’uovo ideale, si fa come me che quest’anno HO FATTO L’UOVO  da sola!

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto