Quando l'olio fa cultura: il lucano Bitonti - Storie di Cibo
La Rossa 2021 esce: con quali criteri?
18 Novembre 2020
Gin pairing: tre ricette da bartender romani
18 Novembre 2020

Olio Bitonti, il sapore lucano che sa fare cultura.

Produzione di eccellenza, con attenzione alla cultura locale.

L’Azienda Agricola Bitonti ha sede a Ferrandina, una piccola cittadina lucana nelle vicinanze di Matera.

Nel 1798 la famiglia Bitonti risiedeva nella città di Ferrandina e il capostipite Felice, confortato dalle conoscenze scientifiche del figlio Andrea di professione chimico, si prendeva cura di quegli stessi ulivi di Majatica che ancora oggi rappresentano il punto di forza dell’azienda.

Oggi, a distanza di otto generazioni, il discendente diretto Pietro Bitonti continua la tradizione familiare della produzione dell’olio extravergine di oliva, con un motto che è anche il motore guida dell’azienda:

“essere custodi del passato e costruttori del futuro”.

L’azienda Bitonti si estende per oltre duecento ettari ripartiti tra terreni seminativi e uliveti con seimila piante secolari tutte di cultivar Majatica di Ferrandina, ed è condotta con metodi di produzione biologici.

L’olio Bitonti è ottenuto con procedimenti meccanici eseguiti a freddo esclusivamente da olive di questa cultivar, Majatica di Ferrandina, la varietà autoctona presente in un territorio limitato della provincia di Matera.

E’ un prodotto autenticamente lucano che si presenta all’olfatto con un fruttato medio, arricchito dai profumi erbacei delle colline del luogo, a confine tra i monti delle Dolomiti lucane ed il mare Jonio, dove il clima mite favorisce appunto le coltivazioni più antiche come quella di questi ulivi di Majatica.

L’olio extra vergine di oliva biologico Bitonti presenta un bassissimo indice di acidità in acido linoleico a cui si contrappone un’alta concentrazione di polifenoli.

L’assaggio rivela un fruttato gradevole, accompagnato da uno spiccato sentore di piccante. Moderato invece il sentore di amaro, essendo un monovarietale di olive Majatica di Ferrandina, note ed apprezzate per il loro sapore amabile.

Al gusto, come si diceva, appare un sentore di piccante, un piccante pungente alla gola ma ben armonizzato con la delicatezza del sapore.

Caratteristiche queste che ne fanno un olio extra vergine di oliva biologico, ideale ad esaltare il sapore di ogni pietanza.

Il marchio Bitonti è inoltre simbolo di Agricoltura Multifunzionale, caratterizzata da metodi di coltivazione biologica che garantiscono la tradizionale qualità dei prodotti e da un’offerta di turismo culturale che valorizza il contesto territoriale in cui essi vengono ottenuti.

L’azienda infatti  propone un’offerta turistico culturale che punta ad esaltare la propria terra.

Ed è proprio il forte legame con questa stessa terra che ha indotto l’azienda a realizzare il museo multimediale “In Viaggio In Basilicata”, che si trova nel medievale borgo di San Mauro Forte presso la storica dimora familiare del Palazzo Arcieri Bitonti, dal novembre del 2015.

Il museo ospita durante l’anno svariati eventi culturali promossi e sponsorizzati dal marchio Bitonti, un modo per l’azienda di valorizzare il proprio territorio e cogliere nuovi stimoli dalle influenze delle espressioni d’arte.

Grazie all’impegno profuso con costanza da Pietro Bitonti in questi anni è stato messo in atto un fitto e proficuo calendario di eventi culturali:

  • l’ assemblea regionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane,
  • varie presentazioni di libri,
  • concerti,
  • serate teatrali
  • mostre di pittura, anche in veste personale, come la famosa “Minoranze Silenziose” del maestro Nico Paladini tenutasi a Palazzo Arcieri un paio di anni fa.

Un caso emblematico di eccellenza produttiva e culturale, emblematico come Made in Italy e forse ancor di più come produzione del sud Italia, in una regione, la Basilicata, tanto ricca di eccellenze quanto spesso poco valorizzata.

Come abbiamo avuto modo di vivere anche durante il nostro Basilicata Coast2Coast4Food, si tratta di iuna regione tanto piccola quanto ricca di eccellenze.

Tutte da scoprire, diffondere e valorizzare.

E allora il plauso a chi, come Pietro Bitonti si impegna a portare in alto il gusto e la cultura:

“Legare il progetto culturale “In Viaggio In Basilicata” al marchio Bitonti significa raccontare la nostra Basilicata e il contesto socio-economico in cui nasce un prodotto di lunga tradizione, quale è il mio olio extravergine di oliva Majatica di Ferrandina.

Oggi, grazie anche alla multifunzionalitá, stiamo finalmente iniziando a comprendere quante opportunità possa offrire questo settore, quanti ambiti innovativi e quanti talenti eccezionali vi possano trovare espressione.

Pertanto fare cultura al sud può significare diffondere uno stile di vita privilegiato, legato alla bellezza artistica, alla storia, all’alimentazione sana a mezzo di buone pratiche agricole”.

Una Basilicata da conoscere, assaporare e apprezzare.

Grazie anche alla storia di un olio che fa sa far cultura.

 

 

 

.

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto