Panettoni ricoperti di Ricordi: Giovanni Cova e C. con Archivio Ricordi
#miscelalalurisia: piccoli alchimisti di acqua tonica crescono
17 Ottobre 2017
Io mangio wild e tu? Wooding bar a Milano
21 Ottobre 2017

Giovanni Cova & C. e Archivio Ricord

Un Natale di Ricordi per i panettoni Giovanni Cova e C.

Un Natale all’insegna della cultura, quello di quest’anno.

Due eccellenze di Milano che si uniscono in un progetto dolce e sonoro.

Giovanni Cova & C., icona della tradizione nella pasticceria,  e l’Archivio Storico Ricordi insieme per portare l’attenzione su un importante tratto di storia musicale e artistica nazionale.

Nasce così una collezione di esclusivi prodotti dolciari per il Natale 2017, interamente dedicata alle straordinarie raccolte dell’Archivio e rivestita con le immagini iconiche dei più grandi maestri della musica operistica e dell’illustrazione italiana.

I panettoni di Giovanni Cova & C. saranno vestiti con le riproduzioni delle opere dei grandi Maestri del Melodramma, la massima espressione dell’Opera, testimonianze che l’Archivio Storico Ricordi conserva nel tempo e che mette a disposizione per promuovere la memoria di compositori come Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini ma anche di illustratori come Marcello Dudovich e Leopoldo Metlicovitz tra gli altri grandissimi.

L’idea del progetto è nata proprio da una citazione di Giuseppe Verdi che in una lettera all’editore Tito Ricordi celebra la bontà del panettone ricevuto in omaggio:

“Come al solito era buonissimo e bellissimo..” [cit. Giuseppe Verdi].

Alla presentazione stampa nella sala dell’archivio, insieme l’Amministratore Delegato  di Panettoni Giovanni Cova & C. S.r.l e il Direttore dell’Archivio Pierluigi Ledda .

Le parole di Andrea Muzzi, AD della società dolciaria:

“L’incontro con l’Archivio Storico Ricordi e l’idea di percorrere un pezzo di strada assieme è per noi motivo di grande orgoglio, e lo è altrettanto l’idea di conciliare una piccola squisitezza come il Panettone con la grandezza dell’Opera.”

Pandoro e Panettone Classico Giovanni Cova & C., per il Natale 2017,  saranno vestiti con le immagini storiche della Turandot di Puccini, mentre alle altre specialità verranno riservate le riproduzioni delle partiture autografe di Paganini del 1817, la copertina del libretto della prima assoluta della Madama Butterfly di Giacomo Puccini, le illustrazioni di Marcello Dudovich e la copertina della storica rivista musicale Ars et Labor del 1907: la celebrazione dell’arte e della cultura italiana trova in questa collaborazione la sua massima esaltazione, coniugando il piacere del gusto raffinato alla vocazione italiana per l’eccellenza.

Dell’apertura di questo patrimonio culturale parla il Direttore Pierluigi Ledda:

“Oggi l’Archivio Storico Ricordi tutela, preserva e promuove il proprio patrimonio artistico, attraverso la ricerca scientifica, il restauro conservativo, mostre, pubblicazioni e convegni in Italia e all’estero, con l’obiettivo di essere sempre più accessibili. E con lo stesso intento ci siamo legati al panettone milanese, una vera eccellenza dolciaria, come mezzo per promuovere il nostro tesoro musicale e iconografico nel mondo.”

Insomma non è ben chiaro chi arricchisce chi!

La preziosità degli incarti, le finiture di pregio e le immagini tratte dalle opere vanno infatti  a impreziosire la qualità della tradizione pasticcera di Giovanni Cova & C., già premiata al Superior Taste Award con le Tre Stelle d’oro.

L’illustrazione con i “Tre cerchi” e il “Meneghino”, messa in evidenza sulle confezioni dei dolci natalizi “Linea Ricordi”, rappresenta il sigillo di questa collaborazione, che oltre a condividere un progetto dal forte slancio culturale, sottolinea un pezzo di storia tutta italiana.

Storie di Cibo presente ad assistere alla presentazione di questa unione, tanto dolce quanto melodiosa!

…e qui le parole di Andrea Muzzi, AD di Panettoni Giovanni Cova e C.

Montaggio video e musiche by Serendipity Video Teller : serendipity.vt@gmail.com
Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto