Artisti del Panettone: buona la prima! - Storie di Cibo
Bollicine in festa a Canelli
11 Dicembre 2018
Bottura porta Food for Soul a Napoli
12 Dicembre 2018

Artisti del Panettone: buona la prima!

Grande successo per la prima edizione di Artisti del Panettone.

All’interno di Palazzo dei Giureconsulti – a due passi dal Duomo – il pubblico ha potuto incontrare da vicino i dieci pasticceri protagonisti Vincenzo Santoro, Maurizio Bonanomi,Andrea TortoraLuigi Biasetto, Fabrizio GallaGino FabbriPaolo SacchettiAlfonso PepeSal De Riso, Vincenzo Tiri, capitanati dal Maestro dei Maestri Iginio Massari.

Vincitore del concorso, promosso da MN Holding in collaborazione con Gazzetta dello Sport, è Luigi Biasetto, già Campione del Mondo di Pasticceria, che con il suo panettone tradizionale artigianale ha convinto tutta la giuria nella finalissima di  domenica (9 dicembre).

La sua è una storia fatta di passione per la pasticceria e di ricerca di armonia assoluta. Pensare con razionalità, esprimere creatività, trasmettere emozioni sono i cardini del suo metodo di lavoro, consolidato nel tempo.

Il secondo e il terzo posto sono stati conquistati rispettivamente da Vincenzo Tiri e Fabrizio Galla:

  • Vincenzo è lucano, arriva da Acerenza e da qui è partito alla conquista del mondo. Persino del Giappone. Il Panettone di Vincenzo Tiri è unanimemente riconosciuto come uno dei migliori d’Italia. Sarà per la tripla lievitazione (una per ogni impasto per un totale di 72 ore di lavorazione), le scorze d’arancia di Tursi, gli ingredienti di estrema qualità, la tradizione tramandata da generazioni.
  • Fabrizio è tutto “Tecnica ed estetica perfetti”. Cresciuto nella ‘scuderia’ del Maestro Iginio Massari –che lo ha anche allenato per molti campionati mondiali – ha fatto del panettone uno dei suoi dolci iconici tanto da essersi aggiudicato il premio come migliore d’Italia nel 2017 alla Tenzone del Panettone di Parma, sbaragliando colleghi provenienti da tutta Italia. Ora nella sua pasticceria in provincia di torino, a San Sebastiano Po, usa lievito madre, lunghi impasti, ingredienti selezionati accuratamente, cottura perfetta. Sono questi gli elementi che lui giudica fondamentali per un panettone da campionato!

La giuria di celebrities, composta da Arisa, chef Alessandro BorgheseLodovica Comello, Giuseppe Cruciani, Diletta Leotta, il Trio Medusa, Pupo e Victoria Cabello, ha premiato Andrea Tortora, il pastry chef del tristellato St Hubertus di Norbert Nierderkofler a san Cassiano (BZ).

Da segnalare anche il premio Perugina, dedicato agli emergenti, conquistato dai veronesi Infermentum.

E’ possibile acquistare i panettoni artigianali dei migliori pasticceri d’Italia presso il Temporary store dedicato agli Artisti del Panettone, che resterà aperto a Milano nel loggiato di palazzo dei Giureconsulti, fino al 24 dicembre.

Per gli amanti degli acquisti online, i panettoni sono disponibili anche su DestinationGusto.it, negozio online di Intesa Sanpaolo.

Perchè è piaciuta così tanto questa manifestazione?

Così rispondono gli organizzatori:

“Artisti del Panettone ha offerto al grande pubblico, in maniera semplice e accattivante al tempo stesso, i segreti del dolce più amato delle feste, puntando sull’eccellenza del Made in Italy e su personaggi che quotidianamente lavorano con passione per realizzare prodotti artigianali di assoluta qualità, con i migliori ingredienti disponibili sul mercato, lavorati secondo antichi saperi, con l’ausilio delle più avanzate tecnologie perché la pasticceria è amore, passione e dedizione ma è anche scienza”.

I personaggi noti in effetti sono stati fondamentali, tanto quanto i loro panettoni: gli Artisti del Panettone infatti sono anche i protagonisti dell’omonimo format tv in onda su Sky Uno e disponibile su Sky On Demand.

Dieci puntate dedicate ai migliori interpreti del panettone, cui se ne affianca una sul re della pasticceria Iginio Massari, che ha anche il ruolo di introdurre e chiudere ogni puntata.

Ed ora non ci resta che dedicarci al Panettone-shopping.

E secondo voi, quale dei dieci è il migliore?!

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto