Dolce RoLa, tra Langhe e Roero - Storie di Cibo
Il pesce fresco di Arrow’s Milano anche in delivery
8 Gennaio 2021
“Un topo da due parti, analisi dell’atto creativo” con un filosofo in cucina
10 Gennaio 2021

Un dolce RoLa che racconta agli occhi e al palato una terra unica!

Dallo studio iniziale del dolce, legato al libro giallo “Tartufi e delitti” di Mauro Rivetti, il pasticcere Sacchero di Canale è giunto alla versione definitiva.

Abbiamo raccontato la genesi di un dolce RoLa che è nato tra le pagine di un libro giallo, o meglio è nato per dare materiale alle pagine del giallo territoriale di Mauro Rivetti.

Nato dall’esigenza di avere un dolce che descrivesse al meglio le due terre, Langhe e Roero, spesso contrapposte, unite da passione e bellezza.

Tra le idee dello scrittore e la professionalità del pasticcere Beppe Sacchero, è nato il dolce RoLa inizialmente fatto “a due colline” poi rielaborato nella forma per essere più facilmente vendibile, anche in confezioni.

Qui l’articolo che abbiamo pubblicato lo scorso luglio sul lancio del libro e del dolce delle due colline.

Dolce delitto a Canale con Beppe Sacchero

Ed è con immenso piacere e orgoglio (da Made in Italy e in questo caso Made in Roero) che presentiamo la versione finale di questo dolce che racchiude in sè i sapori di un Patrimonio Unesco, che viene anche “raccontato” dall’incarto!

Gli ingredienti sono quelli della versione iniziale, nata proprio per esaltare le due parti del Tanaro.

Ce li racconta il pasticcere Sacchero:

“C’è uno strato di cremino alla nocciola con cioccolato bianco, un cuore di polpa di pesca, ganache di cioccolato al latte con paste di meliga, copertura di cioccolato al latte e nocciole pralinate al cacao.

Praticamente gli stessi ingredienti, solamenti rivisti in un solo bon bon!”.

Grazie Beppe Sacchero per questa creazione, che ci regala gusto, territorialità, grande passione e amore per la tradizione!

Storie di Cibo tra dolcezza e crimine!

 

 

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto