La Merenda Sinoira d'Autore è servita in digitale - Storie di Cibo
Panettone sospeso: un dolce gesto nelle pasticcerie milanesi
27 Novembre 2020
Buonissima: le box altamente gastronomiche
3 Dicembre 2020

La Regione Piemonte e la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba presentano la Merenda Sinoira d’Autore, un incontro culinario tra il tartufo bianco d’Alba e gli eccellenti ingredienti della cucina piemontese.

Grandi chef di 7 aree del Piemonte in una serie di 10 show culinari online in diretta dal Castello di Roddi,  dal 30 novembre al 21 dicembre.

La Merenda Sinoira, tradizione gastronomica tipicamente piemontese che affonda le proprie radici nei ritmi della vita nei campi, viene riletta dai grandi chef .

Dal cuore delle Langhe, il progetto Merenda Sinoria d’Autore, coordinato da VisitPiemonte in collaborazione con l’Ente Fiera Internazionale Tartufo Bianco d’Alba, coinvolgerà chef stellati e di alta cucina piemontesi, le Agenzia Turistiche Locali, le Enoteche Regionali e l’Associazione Italiana Sommelier del Piemonte nel corso delle 10 puntate digitali. 

Ecco in numeri il progetto:

  • 90: il numero dell’edizione della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba
  • 10 gli showcooking
  • 25 i grandi chef in onda online
  • 7 i territori dle Piemonte interessati 
  • 2 canali coinvolti: VisitPiemonte e Fiera del Tartufo Bianco d’Alba.

Da Roddi prende il via questo  grande evento per promuovere le eccellenze enogastronomiche di questo territorio e richiamare l’attenzione sul made in Piemonte.

Grazie alla maestria degli chef vengono portati anche all’estero, al momento virtualmente, i cibi di qualità: oltre a quelli già affermati nel mondo come il Tartufo Bianco d’Alba, anche le altre tipicità di questa terra insieme ai grandi vini del Piemonte.

Come precisa Marco ProtopapaAssessore all’Agricoltura e cibo della Regione Piemonte:

“In un anno in cui la filiera agroalimentare continua a subire i danni economici causati dall’emergenza Covid, sono necessarie iniziative di collaborazione tra enti istituzionali e del territorio che coinvolgano diversi sistemi produttivi del Piemonte, agroalimentare, vitivinicolo, turistico e culturale”.

Sono concordi le voci istituzionali, quali:

  • il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, 
  • Vittoria Poggio, Assessore alla Cultura, Turismo e Commercio della Regione Piemonte
  • Luisa Piazza, Direttore generale di VisitPiemonte

dell’importanza di poter disporre di una location di altissima qualità come il Castello di Roddi, recuperato e restaurato con il contributo della Regione Piemonte e gestito dall’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba.

Questa vetrina di “Eccellenze del Piemonte”, aperta a tutto il mondo grazie alle tecnologie digitali, è un progetto di valorizzazione regionale il cui lo spunto narrativo parte dal Tartufo Bianco d’Alba che incontra – in abbinamenti insoliti – il meglio dei prodotti piemontesi delle varie realtà locali.

Ma è anche l’occasione per sperimentare una modalità innovativa di lavoro in ambito turistico attraverso attività di promozione incrociata tra le diverse aree territoriali che compongono il Piemonte e i numerosi attori della filiera, dalla materia prima al prodotto finale.

In una formulazione esclusivamente digitale, per ovvi motivi legati al periodo, la  “Merenda Sinoira d’Autore” vedrà alcuni dei migliori chef che operano in Piemonte interpretare con il proprio tocco d’autore il Tartufo Bianco d’Alba, in abbinamento a una selezione di prodotti agroalimentari della tradizione piemontese.

Il tutto accompagnato dalle eccellenze enologiche tipiche delle 7 aree locali che andranno in scena:

  1. Torinese,
  2. Alessandrino,
  3. Cuneese,
  4. Langhe Monferrato e Roero;
  5. Novarese;
  6. Biellese, Valsesia e Vercellese;
  7. Verbanio-Cusio-Ossola e Laghi.

Sul set digitale allestito nelle cucine del Castello di Roddi, gli chef saranno impegnati in una sorta di “jam session” e realizzeranno le proprie proposte in dialogo con le Enoteche Regionali, i sommelier e i produttori, anch’essi presenti sul set.

Una panoramica di foto e video dei singoli territori faranno da cornice alla preparazione delle ricette e al racconto dei prodotti, narrando l’abilità e la creatività degli chef, proprio nei giorni in cui il Piemonte conferma le sue 46 Stelle Michelin e l’attribuzione della Stella Verde per la sostenibilità a Mariangela Susigan del Gardenia di Caluso e a Igor Macchia di Casa Format a Orbassano.

Liliana AllenaPresidente dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco di Alba, ricorda che nel progettare la 90^ edizione della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, si è voluto  interpretare la pandemia come un acceleratore del cambiamento, introducendo una svolta digitale per la manifestazione.

“Ci fa particolarmente piacere mettere a disposizione di tutto il sistema Piemonte l’esperienza e le competenze acquisite negli eventi digitali, oltre naturalmente al pregiato Tartufo Bianco d’Alba.

Auspichiamo che il gioco di squadra realizzato nel 2020 sia solo l’inizio di un percorso per continuare a promuovere insieme il sistema delle Eccellenze piemontesi”.

Questo il programma dettagliato della  Merenda Sinoira d’Autore, dal Castello di Roddi

Da lunedi 30 novembre:

  • Valli d’Ossola  – Presentato dal Distretto Turistico dei Laghi, lo chef Giorgio Bartolucci de l’Atelier* di Domodossola con il produttore di Bettelmat Rachele Matli. Al loro fianco, il Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte.

Da venerdi 4 dicembre:

  • Alessandria e Monferrato  – Presentate dall’ATL Alexala, le chef Bruna Cane e Sara Chiriotti de I Caffi* di Acqui Terme insieme a Enoteca Regionale di Ovada e del Monferrato, Enoteca Regionale Acqui “Terme e Vino”, Enoteca Regionale del Monferrato.

Da lunedi 7 dicembre:

  • Il primo appuntamento di Langhe, Roero e Monferrato  – Presentati dall’Ente Turismo Langhe Monferrato e Roero, gli chef Michelangelo Mammoliti de La Madernassa** di Guarene; Maurilio Garola/Marco Lombardo de La Ciau del Tornavento*; Davide Palluda dell’Enoteca* di Canale;  Gabriele Boffa del Relais Sant’Uffizio* di Cioccaro di Penango; Luca Zecchin del Ristorante Guido del Relais San Maurizio* di Santo Stefano Belbo; Massimiliano Musso di Ca’ Vittoria* di Tigliole. Al loro fianco, l’Enoteca Regionale di Nizza Monferrato.

Da giovedi 10 dicembre:

  • Il secondo appuntamento di Langhe, Roero e Monferrato con: Ugo Alciati del Ristorante Guido* di Serralunga d’Alba; Damiano Nigro del Relais Villa d’Amelia* di Benevello; Andrea Larossa del Ristorante Larossa* di Alba; Marc Lanteri del Castello di Grinzane Cavour; Walter Ferretto de Il Cascinale Nuovo* di Isola d’Asti; Flavio Costa del Ristorante 2.9* di Piobesi d’Alba. Al loro fianco, l’Enoteca Regionale di Nizza Monferrato.

Da lunedi 14 dicembre:

  • Novara  – Presentata dall’ATL di Novara, Marta Grassi chef del Tantris* di Novara affiancata dal Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte.

Da giovedi 17 dicembre:

  • Cuneese  – presentati dall’ATL Cuneese, gli chef Massimo Camia dell’omonimo ristorante di La Morra, Presidente della Federazione Italiana Cuochi – sez. di Cuneo; Bruna Bartolo de La Pace di Sambuco; Luciano Gautero de Il Bagatto di Limone Piemonte; Fabio Ingallinera del Nazionale di Vernante; Erik Macario de La Posta di Pradeboni. Al loro fianco, l’Enoteca Regionale di Acqui Terme.

Da venerdi 18 dicembre:

  • Biella, Valsesia, Vercelli  – Presentato dall’ATL Biella, Valsesia Vercelli lo chef Christian Costardi del Ristorante Christian & Manuel* presso l’Hotel Cinzia di Vercelli, con l’Enoteca Regionale di Gattinara.

Da lunedi 21 dicembre:

  • Torinese  – Presentata dall’ATL Turismo Torino e Provincia, la chef Mariangela Susigan del Gardenia* di Caluso.
Merenda Sinoira d’Autore, dal Castello di Roddi  su www.visitpiemonte.com  e  www.fieradeltartufo.org e sulle pagine Facebook, Instagram di VisitPiemonte e Fiera del Tartufo Bianco d’Alba.   Per maggiori informazioni:  www.visitpiemonte.com  e www.fieradeltartufo.org

Non sarà la stessa cosa che vivere il tartufo e gli chef in presenza, ma ci adegueremo e seguiremo con vivo interesse questa vetrina delle eccellenze.

 

 

 

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto