Lo chef Palluda celebra il tartufo di gennaio con le Rocche del Roero - Storie di Cibo
Food in sud in partenza: gli azzurri a Marsiglia
22 Gennaio 2020
RDS e Rigoni di Asiago: seconda tappa a Prato Nevoso
24 Gennaio 2020

Intenso e goloso il mese di gennaio con le Cene stellate organizzate per celebrare al meglio il profumato tartufo bianco delle Rocche del Roero, primo “cru” d’Italia, abbinato al Roero Rosso Docg.

Venerdi 24 gennaio quarto e ultimo appuntamento al ristorante “All’Enoteca” di Canale, con lo chef Davide Palluda.

Abbiamo già presentato il programma di questi eventi di gennaio: Il tartufo bianco di gennaio delle Rocche del Roero.

Dopo i ristoranti stellati “La Madernassa” di Guarene, “21.9” di Piobesi d’Alba, “Il Centro” di Priocca, si conclude venerdì 24 gennaio, nei locali de “All’Enoteca” di Canale, la serie di appuntamenti con le cene stellate a base di tartufo Bianco d’Alba Rocche del Roero, primo “cru” d’Italia in abbinamento ai vini dei produttori locali, presso i ristoranti del territorio.

Il 31 gennaio poi ci sarà la  festa di chiusura della stagione del Tartufo Bianco d’Alba insieme ai trifolau di Langhe, Roero e Monferrato, presso il Palarocche di Santo Stefano Roero.

Obiettivo di questa organizzazione è, come ricorda Andrea Rossano, paladino e ambasciatore di questo prodotto nel mondo: Promuovere la poesia di “madre terra” con l’ultimo tartufo dell’annata, il primo dell’anno.

Ed è proprio Andrea Rossano della Tartufingros di Vezza d’Alba, a spiegare l’evento:

“Nel Roero vogliampo diffondere la cultura del tartufo quando è buono e non solo quando il turismo lo richiede, e gennaio è uno dei periodi migliori.

Tutto è iniziato dal Cru. Quando il nostro tartufo è stato riconosciuto come Primo Cru d’Italia abbiamo pensato a come valorizzare il prodotto di eccellenza delle nostre nostre Rocche, insieme al DOCG Roero Rosso, il vino che meglio si sposa con il tartufo Bianco d’Alba Rocche del Roero, perché nasce nello stesso terreno.

La scelta è caduta sui quattro ristoranti stellati del Roero, che con la loro cucina contribuiscono alla crescita del territorio”.

Lo chef Davide Palluda seguirà lo stile tradizionale e curato dei suoi colleghi che hanno cucinato negli scorsi venerdi di gennaio, e  proporrà un ricco e profumato menù.

A conclusione del programma del mese, il Comune di Santo Stefano Roero, nella persona del vicesindaco, Renato Maiolo, dà appuntamento venerdì 31 gennaio alle ore 19, alla festa di chiusura della stagione del Tartufo Bianco d’Alba, insieme ai trifolau di Langhe, Roero e Monferrato, nel Palarocche di Santo Stefano Roero.

Il programma:

  • ore 18.00: appuntamento su invito con i trifolau, alla ricerca del Tartufo Bianco nelle tartufaia naturale delle Rocche di Santo Stefano Roero.
  • ore 18.45: cena per i tabui (cani da tartufo) con la tradizionale zuppetta e “lamellata di tartufi bianchi”.
  • ore 19.00: cena per gli ospiti che hanno contributo alla realizzazione degli eventi con i piatti della cucina culinaria del Tartufo Bianco.
Originale e sentita l’idea di fare una cena anche per i cani, veri protagonisti di questa ricerca del tratufo, ma spesso dimenticati dalla cronaca! E invece, come sottolinea Rossano:

“Per la prima volta vogliamo premiare i nostri fedeli tabui, perché nessuno più di loro si merita la “paga” della fine stagione.  Se non fosse per loro, trovare il tartufo, sarebbe per noi solo un bellissimo sogno”.

 

Leggi di Andrea Rossano anche qui:

Andrea Rossano, ambasciatore del Roero e dei suoi tartufi.

Nadia Toppino
Nadia Toppino
Nata a Rho, viaggiatrice e girovaga per lavoro e per passione. Ho fatto mia una definizione che mi hanno affibbiato tempo fa : "ingegnere creativo" che lega alla perfezione i miei studi alla mia vera essenza. (creativa), che è quella che metto anche nella curiosità e scoperta di nuove storie di cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccontaci il tuo Progetto